Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Lega di Incisa

Sede: Reggello (Firenze)

Date di esistenza: 1415 - 1774

Intestazioni: Lega di Incisa, Reggello (Firenze), 1415 - 1774

Storia amministrativa:
Agli inizi del XIV secolo il territorio compreso nella lega di Cascia fu organizzato in podesteria, denominata prima di Cascia, poi di Cascia e Ancisa ed infine di Reggello 1 . Le podesterie rappresentano la modalità di amministrazione del territorio successiva alle leghe e costituiscono le prime e durature forme di coordinamento del contado fiorentino 2 . Esse sorsero su iniziativa di Firenze intorno al XIV secolo e assunsero tutte le funzioni di raccordo tra il comune di Firenze ed i popoli del contado 3 . La lega di Cascia divenne podesteria di II grado, mantenendo gli stessi confini fino al 1424, quando incorporò la podesteria di IV grado di Incisa ed in quella occasione assunse la denominazione di podesteria di Cascia e Ancisa. La lega di Incisa fu nello stesso anno distaccata da quella di Figline per essere unita a quella di Cascia 4 .
Forte dell'acquisito predominio economico e politico sui territori da poco assoggettati, Firenze si dedicò con maggior incisività alla costruzione del suo Stato, rinnovando l'attenzione anche per il vicino contado 5 . Per dare maggiore organicità e solidità all'ordinamento dello Stato fiorentino furono rese stabili alcune magistrature straordinarie come i vicariati 6 , ed anche il sistema delle podesterie venne rivisto e riordinato 7 . Pertanto, dopo l'istituzione nel 1408 del vicariato del Valdarno Superiore con sede a Castel San Giovanni, tra il 1408 ed il 1424 anche la podesteria di Cascia e Ancisa venne sottoposta alla sua giurisdizione 8 .



Complessi archivistici prodotti:
Lega di Incisa, 1611 - 1781 (fondo, conservato in Comune di Reggello. Archivio storico)



icona top