Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Famiglia Buonamici di Prato

Sede: Prato (Prato)

Date di esistenza: sec. XV -

Intestazioni: Famiglia Buonamici, Prato (Prato), sec. XV -

Storia amministrativa:
Ben quattro rami della famiglia Buonamici furono ammessi alla nobiltà pratese per effetto della legge del 1750. Loro stipite comune fu Gino di Lando, inurbatosi a Prato nella seconda metà del '400, la cui fortuna (la sua portata al catasto del 1471 è fra le più alte di Prato) fu principalmente dovuta all'industria della lana ed alla compravendita di beni fondiari. Grazie a tali attività, nel giro di alcune generazioni i Buonamici arrivarono a detenere il primato della ricchezza cittadina, ricoprendo inoltre le cariche politiche più illustri. I Buonamici furono la prima famiglia pratese ad avere propri membri fra i cavalieri dell'Ordine di S. Stefano.


Complessi archivistici prodotti:
Miscellanee, 1336 - sec. XIX (fondo, conservato in Archivio di Stato di Prato)



icona top