Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Vicariato di Prato

Sede: Prato (Prato)

Date di esistenza: 1771 - 1848

Intestazioni: Vicariato di Prato, Prato (Prato), 1771 - 1848

Storia amministrativa:
Dal 1771 si avviò in Toscana una massiccia riforma dei tribunali di giustizia: il Granducato venne suddiviso in 41 vicariati, dotati di competenze sia civili che criminali, ripartiti in podesterie. In ambito amministrativo spettarono ai vicari varie incombenze fra le quali la protezione dei pupilli, il soccorso dei poveri, il controllo di carceri, monasteri, scuole e ambiente e la sorveglianza sui propri sottoposti e sulle magistrature locali. Da essi dipendevano gli esecutori di giustizia (bargelli, caporali e birri) che costituivano una sorta di corpo di polizia. Soppressi nel periodo francese, i vicariati vennero ripristinati nel 1814 e furono loro conferite anche le funzioni giudiziarie già esercitate dai Tribunali collegiali di prima istanza. Per le cause civili di maggiore entità era competente in appello la Rota civile di Firenze. A seguito della legge del 2 agosto 1838, con cui vennero ripristinati i Tribunali collegiali, il Vicariato di Prato fu compreso nella circoscrizione di quello di Firenze.



Complessi archivistici prodotti:
Atti giudiziari, 1268 - sec. XIX (fondo, conservato in Archivio di Stato di Prato)
Vicariato di Prato, 1761 - 1868 (fondo, conservato in Archivio di Stato di Prato)



icona top