Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Comunità di Monteriggioni

Sede: Monteriggioni (Siena)

Date di esistenza: sec. XIII - 1809

Intestazioni: Comunità di Monteriggioni, Monteriggioni (Siena), sec. XVI - 1809

Storia amministrativa:
Il castello di Monteriggioni fu edificato dai Senesi a partire dal 1214 con funzione di avamposto militare sulla frontiera di Nord-Est, che divideva lo Stato senese da quello fiorentino. Fu anche centro di insediamento, poiché la città dominante cercò - anche attraverso agevolazioni fiscali - di incoraggiare vari nuclei familiari a trasferirsi nel nuovo castello. Monteriggioni conobbe così una crescita economica e demografica che durò sino alla metà del XIV secolo. La grande peste del 1348 interruppe tale sviluppo e cominciò da allora, per una concomitanza di fattori economici e sociali, un processo di decadenza, cui fece seguito una sostanziale stasi che si sarebbe protratta sino all'età contemporanea. Con la caduta della Repubblica di Siena il castello perse, inoltre, la funzione strategica che era stata alla base del suo sorgere.
In epoca senese Monteriggioni fu sede di un vicario, mentre nella prima riforma dedicata dai Medici all'organizzazione del territorio dello Stato nuovo è nominato quale sede di Podesteria civile, nell'ambito del Capitanato criminale di Casole d'Elsa. Con una successiva riforma del 1692, la Podesteria venne trasformata in Vicariato sempre nell'ambito del medesimo Capitanato.
Un cambiamento radicale si verificò nel 1774 con la riforma dell'amministrazione periferica della giustizia attuata da Pietro Leopoldo. Monteriggioni - infatti - non fu più sede di un giusdicente, ma fu aggregato alla Podesteria civile di Sovicille, compresa per il penale nel Capitanato di giustizia di Siena.
Altri mutamenti di carattere istituzionale si ebbero di lì a pochi anni con la riforma comunitativa del 1777: nacque infatti il "moderno" Comune di Monteriggioni, che comprendeva le antiche comunità di Monteriggioni, Santa Colomba e Strove. La nuova comunità fu inclusa nella cancelleria delle Masse del Terzo di Città. Durante la dominazione napoleonica l'amministrazione francese ridisegnò i confini di alcune comunità, tra cui quella di Siena, che inglobò anche il territorio di Monteriggioni. Come la maggioranza delle riforme napoleoniche, anche questa fu però di breve durata: con la Restaurazione, infatti, Monteriggioni tornò ad essere una comunità autonoma nell'ambito della cancellaria delle Masse di Siena.


Soggetti produttori collegati:
Comunità di Monteriggioni, Monteriggioni (Siena), 1815 - 1864 (successore)


Complessi archivistici prodotti:
Comunità di Monteriggioni, 1566 - 1809 (fondo, conservato in Comune di Monteriggioni. Archivio storico)



icona top