Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Ingegnere del circondario di Monsummano

Sede: Monsummano Terme (Pistoia)

Date di esistenza: 1825 - 1850

Intestazioni: Ingegnere del circondario di Monsummano, Monsummano Terme (Pistoia), 1825 - 1850

Storia amministrativa:
Nel 1825 furono istituiti i Circondari di acque e strade con a capo la figura dell'Ingegnere del Circondario con il compito di assistere i magistrati locali. Il lavoro dell'Ingegnere del Circondario era coordinato da Firenze dalla Sovrintendenza alla conservazione del catasto ed al corpo degli ingegneri, che poi divenne Direzione dei lavori di acque e strade e fabbriche civili. Istituita nel novembre del 1825, la Sovrintendenza aveva mansioni di controllo oltre che sui lavori pubblici di acque e strade anche sulle operazioni catastali relative all'accampionamento e sui trasferimenti di proprietà. Dal 31 dicembre 1834 alla Direzione del corpo degli ingegneri, separata dalla conservazione del catasto, fu assegnata la competenza su tutti gli affari relativi a vie e corsi d'acqua della Toscana. La Direzione del corpo degli ingegneri fu divisa in trentasette circondari, ciascuno dei quali diretto da un ingegnere di nomina granducale. La comunità di Montecatini fu inserita nel circondario di Monsummano assieme a Marliana, Serravalle, Lamporecchio e Monsummano, e compresa nel compartimento della Camera di Sovrintendenza di Firenze. L'ufficio dell'Ingegnere del Circondario durò fino al 1849 quando la nuova legge comunale affidò le sue competenze direttamente ad organismi comunitativi. Da allora furono istituiti particolari "distretti di acque e strade" cui furono preposte alcune figure di ingegneri competenti in materia di interventi a carico dello Stato.




icona top