Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Comunità di Montaione

Sede: Montaione (Firenze)

Date di esistenza: 1774 - 1808

Intestazioni: Comunità di Montaione, Montaione (Firenze), 1774 - 1808

Storia amministrativa:
Nella seconda metà del Settecento, attraverso una serie di riforme delle istituzioni periferiche, si assistette ad un processo di graduale uniformità amministrativa e fiscale di tutto il Granducato. In particolare con la riforma comunitativa del 1774 fu sospesa la validità degli Statuti locali e furono fortemente ridotte le autonomie dei centri minori, i cui territori furono accorpati e dettero vita a comunità più ampie regolate da norme uniformi 1 .
Con il Regolamento locale del 23 maggio 1774 fu istituita la nuova comunità di Montaione che continuò ad avere il suo cancelliere in Castelfiorentino e che risultò composta da "tutti gli interessi, persone e cose comprese nella podesteria di Barbialla o Montaione e nella podesteria di Gambassi": Montaione, Castelnuovo, Castelfalfi, Tonda e Sughera, Vignale e Cedri (o Celderi), San Vito a Collegalli, San Piero a Coiano, San Giorgio a Canneto, San Giovanni a Barbialla, San Bartolomeo a Santo Stefano, San Quintino, Gambassi, Montignoso, Camporbiano e lega dei sette popoli di Catignano e Pulicciano 2 . L'unificazione di questo vasto territorio fu ulteriormente sancita nel 1784 quando, con la soppressione del vicariato di Certaldo, venne soppressa anche la podesteria di Gambassi e le sue pertinenze passarono per intero a quella di Montaione 3 . I popoli di Cigoli, Montebicchieri e Stibbio passarono invece alla nuova comunità di San Miniato a cui erano legati per antica consuetudine e della cui cancelleria avevano sempre fatto parte.
La comunità di Montaione, al pari di tutte le altre, fu retta da due assemblee: il Magistrato comunitativo, composto dal gonfaloniere e quattro rappresentanti, ed il Consiglio generale, composto dai residenti nel Magistrato insieme ai 23 deputati dei popoli. I componenti delle due assemblee erano nominati per imborsazione e tratta. Nella borsa del Magistrato venivano poste le polizze dei proprietari di beni immobili che pagavano un minimo di imposta di Decima. Nelle borse dei popoli, una per ciascun popolo, venivano poste le polizze di tutti i capifamiglia. Le borse dovevano essere conservate nella "stanza dell'Archivio comunitativo di Montaione" 4 .
Il Regolamento generale prevedeva inoltre che in ogni comunità venissero eletti due deputati sopra l'imposizione, due revisori del reparto e un camarlingo. I primi avevano il compito di procedere alla ripartizione, ovvero alla formazione del reparto delle imposizioni che i secondi avevano il compito di revisionare prima che il camarlingo procedesse alla riscossione. Era inoltre prevista la presenza di un provveditore di strade competente in materia di vigilanza, manutenzione e costruzione di strade e fabbriche comprese nella comunità. La comunità aveva anche due messi: uno per Montaione e uno per Gambassi.
In seguito ai mutamenti istituzionali determinati dalla riforma del 1774 anche la fisionomia dell'archivio subisce mutazioni sostanziali: cessa infatti la produzione delle singole entità amministrative che ora si limita<ro>no ad esprimere i loro rappresentanti in seno al Consiglio della nuova comunità.


Complessi archivistici prodotti:
Comunità di Montaione, 1774 - 1808; 1817 (fondo, conservato in Comune di Montaione. Archivio storico)



icona top