Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Podesteria di Barbialla e Montaione

Sede: Montaione (Firenze)

Date di esistenza: 1388 - 1775

Intestazioni: Podesteria di Barbialla e Montaione, Montaione (Firenze), 1388 - 1775

Altre denominazioni:
Podesteria di Barbialla e Montaione e di Gambassi


Storia amministrativa:
I castelli di Barbialla e Montaione fecero anticamente parte del distretto e della giurisdizione di San Miniato 1 ma tra il 1369 e il 1370 insieme ai comuni e popoli di Castelnuovo, Coiano, Collegalli, Canneto, San Quintino, Cigoli, Leporaia, Tonda, Montebicchieri e Stibbio si sottomisero a Firenze, 2 che con una Provvisione dell'8 aprile 1370 vi inviò 4 podestà: uno per Barbialla, Santo Stefano, Coiano e Collegalli; uno per Montaione, Tonda e Figline, uno per Castelnuovo, San Quintino e Canneto e l'ultimo per Cigoli, Montebicchieri, Stibbio e Leporaia 3 . La giurisdizione criminale su tutti questi territori fu esercitata per oltre quattro secoli dal vicariato di San Miniato.
Nel giro di breve tempo le quattro podesterie furono riunite in una sola di primo grado denominata di Barbialla e Montaione, per la quale nel 1388 4 fu nominato un podestà che doveva aveva al suo seguito quattro notai, quattro famigli e un cavallo. Dalla podesteria dipendeva anche l'ufficialato di Cigoli 5 , già competente fino dal 370 per Cigoli, Montebicchieri, Stibbio e Leporaia, a cui vennero ad aggiungersi i popoli della soppressa podesteria di Castelnuovo e successivamente anche quelli di Barbialla, che aveva ormai perduto il suo ruolo di località preminente e non era più sede di tribunale, nonostante ciò la denominazione della podesteria rimase invariata per lungo tempo. Un'ulteriore aggregazione si ebbe intorno al 1451 quando i comuni di Castelfalfi e Vignale passarono dalla giurisdizione di San Miniato a quella di Barbialla e Montaione 6 .
A partire dagli anni trenta del Quattrocento la podesteria di Barbialla e Montaione fu riunita a quella di Gambassi attraverso la nomina di un solo podestà che era tenuto a risiede sei mesi a Montaione e sei mesi a Gambassi. Inizialmente doveva trattarsi di una misura provvisoria che invece fu ripetutamente rinnovata fino a divenire stabile 7 . Le due podesterie però continuarono ad essere separate dal punto di vista giudiziario e i loro atti furono sempre mantenuti distinti. Dal punto di vista amministrativo la podesteria nel suo complesso era servita dal cancelliere di Certaldo-Castelfiorentino, ma l'ufficialato di Cigoli ed i comuni di Cigoli, Montebicchieri e Stibbio erano serviti dal cancelliere di San Miniato.
La situazione rimase pressoché immutata fino alla seconda metà del Settecento quando con le riforme delle amministrazioni periferiche le circoscrizioni di questo territorio subirono forti modifiche: con la riforma dei tribunali di giustizia del 1772 8 fu soppresso l'ufficialato di Cigoli la cui giurisdizione passò in parte alla podesteria di San Miniato (Cigoli, Montebicchieri e Stibbio) e in parte a quella di Montaione (Barbialla, Castelnuovo, Coiano, Santo Stefano, Collegalli, San Quintino e Canneto). Nel 1784 9 in concomitanza con la soppressione del vicariato di Certaldo fu soppressa anche la podesteria di Gambassi i cui territori furono definitivamente accorpati a quella di Montaione e con essa sottoposti al vicariato di San Miniato.
Fino all'epoca delle riforme settecentesche i giusdicenti civili, in qualità di ufficiali periferici dello stato fiorentino, oltre ad avere funzioni di natura squisitamente giudiziaria svolsero anche un importante ruolo di raccordo tra il centro e la periferia che li vide investiti di molti compiti amministrativi. In relazione a questa duplice attività la podesteria di Barbialla e Montaione nel corso del tempo ha prodotto serie distinte di documenti. Da un lato gli atti più propriamente giudiziari, detti "atti civili", che sono rimasti presso il Comune di Castelfiorentino 10 ; dall'altro quelli di tipo amministrativo e fiscale, oggi conservati a Montaione. Questi ultimi si articolano in diverse serie che hanno termine tra il 1774 e il 1775 quando, con la riforma delle comunità del contado, tutti i compiti non giudiziari delle podesterie furono ricondotti al più ampio ruolo amministrativo affidato alle comunità 11 .


Soggetti produttori collegati:
Comune di Montaione, Montaione (Firenze), sec. XIII - (subordinato)




icona top