Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Deputazione comunale per il reclutamento

Sede: Lucignano (Arezzo)

Date di esistenza: 1829 - 1854

Intestazioni: Deputazione comunale per il reclutamento, Lucignano (Arezzo), 1829 - 1854

Storia amministrativa:
Con una disposizione dell'Ufficio generale delle comunità del Granducato del 29 aprile 1820 1 , le comunità furono chiamate per la prima volta a partecipare alle operazioni della leva militare. Il reclutamento del contingente assegnato a ciascuna comunità proporzionalmente al numero degli abitanti, divenne da quel momento di competenza di una Deputazione comunale, costituita dal gonfaloniere, da uno dei priori e dal cancelliere comunitativo. Per coprire il numero assegnato, la Deputazione ricorreva in primo luogo all'arruolamento di volontari, ed eventualmente all'arruolamento coatto tra i giovani di età compresa tra i diciotto e i venticinque anni che non risultassero esentati. Oltre ad un'esenzione di diritto - riservata ai capofamiglia, agli orfani, ai tutori e ai curatori, agli ecclesiastici, agli impiegati e ai contadini - era prevista la possibilità di comperare l'esenzione dal servizio versando una quota in denaro che la Deputazione avrebbe utilizzato per le spese di ingaggio dei volontari.
In seguito ad una notificazione del 1826 2 , in virtù della quale le deputazioni divennero permanenti, furono stabiliti anche i criteri per la formazione di una lista generale dei giovani che avessero compiuto il ventesimo anno di età.
Nel 1846 3 , attraverso precise istruzioni, furono pianificate le modalità con cui si sarebbero svolte, da quel momento, le operazioni di arruolamento. Entro il mese di ottobre di ciascun anno i commissari degli ospedali dei gettatelli e la Segreteria del Regio diritto dovevano inoltrare alla Deputazione gli elenchi dei giovani compresi nella leva e gli ecclesiastici esentati; entro il mese di febbraio il cancelliere doveva, a sua volta, consegnare le liste dei giovani, compilate sulla base delle note inviatigli dai parroci il dicembre precedente. La Deputazione si riuniva nello stesso mese di febbraio per esaminare le liste, scegliere il sistema di arruolamento e compilare il bilancio preventivo delle spese.
Con la successiva legge generale di riforma che, nel 1848, introdusse le Prefetture 4 e le Delegazioni di Governo 5 , risultò modificato anche il sistema di arruolamento. Appositi Consigli di reclutamento, istituiti presso i Circondari delle Delegazioni, sostituirono le precedenti Deputazioni comunali. Lucignano, insieme alla Comunità di Civitella venne allora inserita all'interno del Circondario di Delegazione di Governo di Monte San Savino. Di conseguenza la documentazione, comprensiva di liste di leva, bilanci di previsione e rendiconti delle spese necessarie, lettere e circolari riguardanti l'arruolamento di Lucignano risulta conservata nell'Archivio di Monte San Savino 6 .


Soggetti produttori collegati:
Comunità di Lucignano, Lucignano (Arezzo), 1814 - 1865 (sovraordinato)




icona top