Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Mairie del Galluzzo

Sede: Galluzzo (Firenze)

Date di esistenza: 1808 - 1814

Intestazioni: Mairie del Galluzzo, Galluzzo (Firenze), 1808 - 1814

Storia amministrativa:

Nell'anno 1808 la Toscana passò a far parte dell'Impero Francese e ciò comportò una integrale revisione anche delle strutture giudiziarie ed amministrative periferiche.

Il "Maire", principale magistratura della "comune", deteneva il potere esecutivo e a lui spettavano anche l'amministrazione delle entrate e uscite, la direzione dei lavori pubblici, le funzioni di polizia. Tra le nuove competenze amministrative del Maire c'era anche la conservazione dei registri delle nascite, matrimoni e morti, compito questo a cui avevano in precedenza atteso i Rettori delle chiese parrocchiali.

Il Consiglio Municipale, con poteri puramente consultivi, si insediò al Galluzzo il 22 febbraio 18091, ed era formato, oltre che dal Maire che lo presedieva, da 24 Consiglieri. Le sue riunioni venivano svolte insieme al Consiglio Municipale di Legnaia, formato dal Maire e da 4 membri.

Il Galluzzo divenne sede di "Mairie" con il decreto del Governo provvisorio francese del 22 agosto 18082 e fu inserito nel circondiario della Sottoprefettura di Firenze che faceva parte, con quella di Arezzo e Pistoia, del Dipartimento di Prefettura dell'Arno. Conservò questa struttura amministrativa fino al giugno 1814 quando, con la Restaurazione, vennero ripristinati gli "antichi" uffici.



Complessi archivistici prodotti:
Mairie del Galluzzo, 1808 - 1814 (fondo, conservato in Comune di Impruneta. Archivio storico)



icona top