Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Comune di Filattiera

Sede: Filattiera (Massa Carrara)

Date di esistenza: 1849 - 1859

Intestazioni: Comune di Filattiera, Filattiera (Massa Carrara), 1849 - 1859

Storia amministrativa:
Nel 1848, in seguito alla morte di Maria Luigia d'Austria, venne attuato il trattato stipulato segretamente a Firenze il 28 novembre 1844 tra il Granduca di Toscana, il Duca di Modena e quello di Lucca. Si formò così la Lunigiana Parmense sotto i Borboni, corrispondente all'alta val di Magra e comprendente Zeri, Pontremoli, Caprio, Mulazzo, Castevoli, Caprio, Filattiera, Bagnone, Treschietto, Villafranca, Groppoli, Lusuolo, mentre la media e bassa Lunigiana, da Aulla a Massa, rimase al Duca di Modena e costituì la nuova provincia estense. Nello stesso anno, i comitati comunali lunigianesi, in opposizione al dominio parmense, istituirono un governo provvisorio con sede a Pontremoli che decretò l'unione della Lunigiana Parmense al Granducato di Toscana. L'anno successivo, tuttavia, con la vittoria austriaca nella 1° guerra d'indipendenza, Carlo Lodovico di Borbone tornò sul trono e la Lunigiana settentrionale, nella quale fu creata la Provincia di Pontremoli, venne di nuovo assoggettata al Ducato di Parma. La Provincia era divisa in sei comuni, Zeri, Pontremoli, Mulazzo, Filattiera, Bagnone, Villafranca, comprendenti diversi comunelli. Il Comune di Filattiera fu ingrandito con l'aggregazione della soppressa Comunità di Caprio e diviso in sei comunelli (oltre a Filattiera, Caprio, Scorcetoli, Dobbiana, Serravalle, Lusignana.) Con i moti rivoluzionari del 1859 le popolazioni lunigianesi manifestarono la volontà di essere annesse al Piemonte. Alla fine di quell'anno si costituì la provincia di Massa Carrara. Pontremoli diventò capoluogo di un circondario comprendente i comuni di Zeri, Mulazzo, Filattiera, Bagnone, Villafranca. Nel 1860 la Provincia fu annessa al Regno Sardo che diventò, l'anno successivo, Regno d'Italia.


Soggetti produttori collegati:
Comunità di Filattiera, Filattiera (Massa Carrara), 1814 - 1849 (predecessore)


Complessi archivistici prodotti:
Comune di Filattiera, 1849 - 1859 (fondo, conservato in Comune di Filattiera. Archivio storico)



icona top