Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Camarlingato di Figline per l'estimo e la decima del contado

Sede: Figline Valdarno (Firenze)

Date di esistenza: sec. XIV - sec. XVI

Intestazioni: Camarlingato di Figline per l'estimo e la decima del contado, Figline Valdarno (Firenze), sec. XIV - sec. XVI

Storia amministrativa:
Nell'archivio storico di Figline V. A. sono conservate due interessantissime serie di registri relativi alle imposizioni fiorentine sul contado. Si tratta dei ruoli (1453 - 1526) e dei registri d'entrata (1452 - 1527) per la riscossione dell'imposizione sull'estimo (fino al 1508) 1 e della decima dei contado (dal 1509) 2 . Queste imposte, uniche per quel periodo, erano riscosse direttamente dalla repubblica fiorentina tramite i 12 camarlinghi del contado, cittadini fiorentini tratti dalle borse. Ciò avveniva al contrario di tutte le altre imposte che venivano riscosse dai camarlinghi locali e poi trasmesse a Firenze. Forse questo sistema centralizzato di riscossione delle imposte sui beni immobili venne soppresso con l'avvento del Principato Mediceo, in quanto le serie dei registri si interrompono proprio in quegli anni. Il camarlingato di Figline ebbe giurisdizione territoriale assai ampia, sicuramente più ampia di qualsiasi entità amministrativa esistente (podesteria, comunità, cancelleria, ecc.) e comprese negli anni della sua esistenza i pivieri di: Figline, Gaville, Incisa, Cintoia, Rubbiana, Panzano, Monteficalli, S. Piero a Sillano, S. Maria a Impruneta, S. Maria a Scò. Pitiana, Cascia, S. Maria Novella. <...>


Per saperne di più:
Camarlingato di Figline per l'estimo e la decima del contado - SIUSA




icona top