Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Podesteria di Colle

Sede: Colle di Val d'Elsa (Siena)

Date di esistenza: sec. XIII - 1772

Intestazioni: Podesteria di Colle, Colle di Val d'Elsa (Siena), sec. XIII - 1772

Storia amministrativa:

1. La circoscrizione giudiziaria colligiana fino al 1772

L'assetto giurisdizionale colligiano trecentesco, frutto di un lungo processo di formazione iniziato nel XIII secolo 1 , mantenne la sua base territoriale sostanzialmente immutata fino alla vigilia delle riforme di età leopoldina. Analogamente a quanto avvenuto in centri di analoghe dimensioni assoggettati entro la metà del XIV secolo - Pescia, Fucecchio, San Gimignano - anche Colle al momento della sua sottomissione a Firenze mantenne la giurisdizione sul proprio distretto di origine comunale 2 , a differenza di centri come San Miniato la cui curia, peraltro di dimensioni più consistenti, fu smembrata e sottoposta ad una nuova distrettuazione da parte delle autorità fiorentine 3 . Il districtus colligiano costituì all'interno del dominio fiorentino una 'podesteria sciolta', non compresa cioè in nessun vicariato ed avente piena giurisdizione criminale al pari di centri quali Prato, Barga, Cortona, San Gimignano 4 . Tale status istituzionale e territoriale superò inalterato i riassetti all'ordinamento giudiziario del dominio compiuti in età repubblicana e in età medicea, e si dovette attendere la riforma leopoldina dei distretti giudiziari dello Stato vecchio nel 1772 per assistere ad un mutamento della sua struttura 5 .

2. Le strutture giudiziarie colligiane fra XIV e XVIII secolo

Le redazioni statutarie del 1307 e del 1343-1347 prevedevano la contemporanea presenza nell'organico comunale di un podestà e di un capitano del popolo, ai quali era demandato l'esercizio di due gradi di giudizio nelle cause civili e criminali 6 . Il sistema tracciato dagli statuti del 1307 è ricostruibile per la loro nota lacunosità limitatamente alla figura del capitano del popolo. Guelfo, di almeno trenta anni era accompagnato durante il suo mandato da una familia composta da un iudex, due domicelli, sei berroverii ai quali si aggiungevano un notaio e sei numptii di nomina comunitativa 7 . In qualità di iudex appellationum et nullitatum doveva definire in prima istanza le cause di appello criminali e civili 8 , e contemporaneamente fungere da garante dell'ordinamento giudiziario delineato dagli statuti dando esecuzione alle sentenze 9 . La competenza del primo grado di giudizio sulle cause civili e criminali era riservata al podestà, di cui siamo in grado però di definire le prerogative solo sulla base degli statuti redatti nel 1343-47 10 . Completavano l'organigramma giudiziario colligiano tutta una serie di ufficiali di nomina comunitativa chiamati ad affiancare i rettori e le loro familie nell'esercizio della giurisdizione ordinaria. Tra questi due notarii causarum civilium e un notarius appellationum, affiancati rispettivamente al podestà e al capitano del popolo. Essi avevano il compito di sedere al "banchum" dei propri ufficiali, di ricevere le scritture presentate in causa dalle parti e redigere quelle necessarie al corretto svolgimento del procedimento 11 . Gli officiales ad brevia, eletti in seno al Consiglio generale entro il primo mese di regime del podestà erano tenuti a compiti inquisitoriali e di vigilanza relativamente a specifici campi di intervento 12 . Con la sottomissione a Firenze del 1349 Colle perse la tradizionale autonomia nell'esercizio della iurisdictio, demandata ora al podestà e al capitano del popolo necessariamente "de civitate Florentie et cives florentini" eletti centralmente per tratta o in seguito su nomina ducale 13 . La Reforma officiorum promulgata contestualmente all'atto di dedizione previde la possibilità, di fatto sempre più frequentemente verificatasi negli anni successivi, della presenza del solo podestà. Nel 1419 gli "ordinamenta super causis civilibus et in ordine iudiciorum", nell'ambito di una revisione della normativa in materia di cause civili e di appello, sancirono definitivamente la soppressione della figura del capitano del popolo 14 . L'assetto delineato dalla successiva redazione statutaria del 1513 si limitò a sancire in via definitiva fino alle riforme leopoldine i cambiamenti progressivamente delineatisi nell'ordinamento giurisdizionale colligiano a partire dall'età repubblicana, attribuendo al podestà il "merum et mixtum imperium" 15 e ai priori colligiani la competenza in materia di primi e secondi appelli "tam in criminalibus quam in civilibus" 16 .


Complessi archivistici prodotti:
Podesteria di Colle di Val d'Elsa fino al 1772, 1529 - 1772 (fondo, conservato in Archivio di Stato di Siena)



icona top