Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Comunità di Empoli dopo la restaurazione

Sede: Empoli (Firenze)

Date di esistenza: 1814 - 1865

Intestazioni: Cancelleria di Empoli dopo la restaurazione, Empoli (Firenze), 1814 - 1865

Storia amministrativa:
Nel 1814 fu ricostituito l'ufficio del Cancelliere comunitativo al quale, con i provvedimenti legislativi del 18 giugno 1817, del 1° novembre 1825 e dell'8 agosto 1826, furono attribuite competenze anche sullo stato civile, in materia catastale e sull'arruolamento militare.
In seguito alla riforma del 1848, al Cancelliere fu conferito il titolo di "ministro del censo", in considerazione del fatto che da allora si occupò prevalentemente dell'aggiornamento dei registri catastali e della compilazione dei dazzaioli per la riscossione delle imposte, oltre a svolgere le mansioni di archivista comunale e di consulente delle magistrature locali 1 .
Con la Restaurazione, al territorio sottoposto alla Cancelleria di Empoli, già costituito da Montelupo, Lastra a Signa, Cerreto Guidi e Vinci, fu accorpata anche la Comunità di Capraia, creata ex novo nel periodo di dominazione francese. Nel 1818 si rese, pertanto, necessaria l'istituzione, a Cerreto Guidi, di un aiuto-Cancelliere dipendente da quello di Empoli e con giurisdizione su Cerreto, Vinci e Capraia. Nel 1838 l'ufficio staccato di Cerreto Guidi fu elevato a normale sede di Cancelleria, con competenza sulle medesime tre Comunità 2 . Nel 1831 alla Cancelleria di Empoli era stata già sottratta la Comunità di Lastra a Signa, sottoposta alla giurisdizione di quella del Galluzzo 3 .




icona top