Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Cancelleria di Empoli

Sede: Empoli (Firenze)

Date di esistenza: sec. XVI - 1808

Intestazioni: Cancelleria di Empoli, Empoli (Firenze), sec. XVI - 1808

Storia amministrativa:
In seguito alle riforme che condussero, intorno alla metà del XVI secolo, ad un accrescimento del controllo sulle località periferiche da parte del potere centrale, anche Empoli divenne sede di Cancelleria comunitativa. Questa era retta da un funzionario statale con l'obbligo di residenza, incaricato dello svolgimento di molteplici mansioni: era tenuto a presenziare alle operazioni di imborsazione e tratta per le varie cariche e alle riunioni consiliari, delle quali redigeva i verbali; si occupava di vigilare sulle entrate degli enti e sulla veridicità dei dati in base ai quali venivano ripartite le imposte; provvedeva alla compilazione dei dazzaioli, al controllo dei rendiconti da spedire agli organi centrali, alla sorveglianza dei confini territoriali tra i Comuni 1 .
Poiché la capillare presenza dei Cancellieri rappresentava una spesa non indifferente per le popolazioni locali, si cominciò ben presto ad accorpare più Comunità sotto la medesima giurisdizione: alla Cancelleria di Empoli furono, pertanto, aggregate prima Montelupo e Lastra a Signa, poi, dal 1634, Cerreto Guidi e Vinci 2 .
Le riforme leopoldine del 1774 confermarono le competenze dei Cancellieri che rimasero immutate fino al 1808.


Complessi archivistici prodotti:
Cancelleria di Empoli, 1665 - 1860 (fondo, conservato in Comune di Empoli. Archivio storico)



icona top