Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Comunità di Pieve dei SS. Ippolito e Cassiano

Sede: Pieve (Massa Carrara)

Date di esistenza: sec. XIV - 1777

Intestazioni: Comunità di Pieve dei SS. Ippolito e Cassiano, Pieve (Massa Carrara), sec. XIV - 1777

Storia amministrativa:
Nel 1450 il popolo della Pieve insieme a quelli di Castiglione, Corvarola, Grecciola e Cassolana stipulò capitoli di sottomissione con Firenze. Come gli altri comunelli già facenti parte del territorio dell'ex feudo di Castiglione del Terziere, entrò nella circoscrizione podestarile di Castiglione. Anche il comunello della Pieve si resse attraverso propri ordinamenti 1 . La maestà della località detta il Groppo era il luogo in cui i rappresentanti del comunello della Pieve dei SS. Ippolito e Cassiano si riunivano ogni anno per procedere allestrazione dalla borsa comunitativa dei propri ufficiali, ossia un console facente anche funzione di camarlingo, tre consiglieri, tre saltari, secondo quanto previsto nello statuto della podesteria del "quinto". Secondo quanto stabilito dal regolamento comunitativo pubblicato nel 1777, il popolo della Pieve fu iscritto nelle pertinenze della nuova comunità di Bagnone.





icona top