Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Comunità di Buggiano

Sede: Buggiano (Pistoia)

Date di esistenza: 1814 - 1865

Intestazioni: Comunità di Buggiano, Buggiano (Pistoia), 1814 - 1865

Storia amministrativa:
Col ritorno dei Lorena in Toscana dopo la caduta di Napoleone le mairies furono abolite e gli uffici comunitativi che esistevano prima della costituzione di quelle (il gonfaloniere, il collegio dei priori, il consiglio generale e i cancellieri, laddove questi ultimi erano previsti prima del 1808) vennero ripristinati 1 .
La struttura istituzionale della comunità, fissata dal regolamento del 1816 2 , prevedeva un gonfaloniere di nomina granducale, a capo di un organismo collegiale formato mediante l'antico sistema della tratta: il magistrato comunitativo o collegio dei priori. Il gonfaloniere, che lo presiedeva, svolgeva invece funzioni analoghe a quelle del sindaco odierno oltre ad avere competenze specifiche in materia di finanze, viabilità e ordine pubblico; rappresentava inoltre il governo centrale, con cui corrispondeva tramite organi specifici (il Soprassindaco delle comunità, il Provveditore di sovrintendenza comunitativa, la Presidenza del buon governo. Il magistrato comunitativo affiancava il gonfaloniere nella sua opera di governo e amministrazione; ad esso, presieduto dal gonfaloniere, spettava l'elezione del camarlingo generale, l'approvazione del bilancio preventivo e il rendiconto dell'esercizio finanziario precedente quello in corso.
Il consiglio generale si riuniva in via ordinaria una volta l'anno per esprimersi sulle materie di sua competenza, mentre era riunito in via straordinaria dal gonfaloniere, sentito il parere del cancelliere comunitativo 3 .
Col 1849 un nuovo regolamento introdusse numerose modifiche 4 . Il consiglio generale divenne allora elettivo su base censitaria e le sue competenze furono estese alla nomina del collegio dei priori, delle commissioni per il reparto delle tasse e per il sindacato dei camarlinghi e del gonfaloniere nonché a ogni deliberazione in materia di bilanci, rendiconti, istanze di defalchi di tassa; il collegio dei priori funzionava a sua volta come organo esecutivo del consiglio generale, istruendo le pratiche sulle materie di competenza di quello e deliberando in caso di urgenza.
Una nuova riforma, introdotta nel 1853, ripristinò la situazione precedente al 1849 5 .



Complessi archivistici prodotti:
Comunità di Buggiano, 1814 - 1865 (fondo, conservato in Comune di Buggiano. Biblioteca e Archivio storico)



icona top