Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Opera nazionale maternità e infanzia

Sede: Scandicci (Firenze)

Date di esistenza: 1925 - 1975

Intestazioni: Opera nazionale maternità e infanzia, Scandicci (Firenze), 1925 - 1975

Storia amministrativa:

Opera nazionale maternità e infanzia (O.N.M.I.) fu istituita come ente parastatale con la Legge 10 dicembre 1925, n. 2277. Aveva come compito la protezione e l'assistenza della maternità e dell'infanzia, sia dal punto di vista sanitario che sociale. Come recita la Legge all'art. 4, le sue finalità principali erano «la protezione e l'assistenza delle gestanti e delle madri bisognose o abbandonate; dei bambini lattanti e divezzi sino al quinto anno, appartenenti a famiglie bisognose, dei fanciulli fisicamente o psichicamente anormali, e dei minori materialmente o moralmente abbandonati, traviati o delinquenti, sino all'età di anni diciotto compiuti». Favoriva inoltre la diffusione di norme e metodi scientifici di igiene prenatale e infantile, l'organizzazione della profilassi antitubercolare e la lotta contro le malattie infantili. Gli organi esecutivi dell'O.N.M.I. erano le federazioni e i patronati. I comitati di patronato, esistenti a livello comunale, avevano sede presso locali forniti gratuitamente dal comune. L'Ente fu soppresso con la Legge 23 dicembre 1975, n. 698 e le sue competenze furono divise tra Stato, regioni, province e comuni.

La documentazione descritta qui di seguito riguarda l'Asilo Nido XXV Aprile di Scandicci, situato al numero 144 di via Rialdoli. Aperto il 17 novembre 1969, nei locali messi a disposizione dal Comune, era in grado di accogliere quaranta bambini. La gestione dell'Asilo competeva all'O.N.M.I., era svolta con un contributo annuo del Comune e diretta dal locale comitato di patronato.




icona top