Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Sapienza di Prato

Sede: Prato (Prato)

Date di esistenza: 1561 -

Intestazioni: Sapienza, Prato (Prato), 1561 -

Storia amministrativa:
Domenico Giuntalodi (Prato, 1505 - Mantova o Guastalla, 1560), pittore, disegnatore e architetto regio del vicerè di Sicilia Ferrante Gonzaga, lasciò erede del proprio patrimonio, stimato in circa 9000 scudi, il Comune di Prato affinché venisse fondata una istituzione che provvedesse a mantenere agli studi presso l'università di Pisa, per un periodo di sette anni, sette giovani pratesi poveri. La Sapienza, regolata da capitoli approvati il 22 luglio 1561, venne governata da ufficiali eletti annualmente dal Consiglio generale del Comune di Prato. I giovani che presentavano domanda di ammissione alle borse di studio dovevano essere pubblicamente esaminati il primo giorno di settembre nel palazzo dei Priori, presente la Signoria pratese, sottoponendosi a domande in materia di grammatica, latino e "lettere humane". Agli ufficiali della Sapienza competeva inoltre il controllo degli affari dell'istruzione pubblica.


Complessi archivistici prodotti:
Istituti pii e d'istruzione, sec. XIV - 1887 (fondo, conservato in Archivio di Stato di Prato)



icona top