Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti conservatori - Ordine alfabetico » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Comune di Ponsacco. Archivio storico

piazza Valli, 8
56038 - Ponsacco (Pisa)

Telefono: 0587.738111
Fax: 0587.733871
Email: info@comune.ponsacco.pi.it
Sito web: http://www.comune.ponsacco.pi.it

Note storiche:
L'Archivio storico del Comune di Ponsacco è composto da un nucleo documentario principale - le sezioni preunitaria e postunitaria - e da alcuni archivi aggregati minori. Fra questi si segnalano le carte relative all'Ente Comunale di Assistenza (E.C.A), a cui sono probabilmente riconducibili gli archivi di alcune compagnie religiose e di beneficenza locali, ereditati, appunto, dall'E.C.A al momento della sua costituzione. A questi archivi se ne aggiungono altri due - l'archivio del Giudice Conciliatore e l'archivio del locale Comitato di Liberazione Nazionale - i quali, tuttavia, non essendo emanazione diretta degli uffici comunali, avrebbero dovuto trovarsi depositati presso la sede dell'Archivio di Stato di Pisa. Il riordinamento delle diverse unità archivistiche è stato compiuto rispettando, per quanto è stato possibile, i criteri indicati, in anni recenti, dalla metodologia archivistica 1 , anche se l'iniziale disordine in cui si trovavano disposte è stato, in alcune circostanze, causa di notevoli difficoltà che hanno reso maggiormente faticosa una ricomposizione dei fondi rispettosa delle indicazioni suggerite dalla moderna archivistica. Occorre, inoltre, sottolineare che, per varie ragioni, l'integrità dei diversi fondi in cui è suddiviso l'Archivio è apparsa, fin da un primo esame, tutt'altro che soddisfacente. Fra queste ragioni si può menzionare la collocazione di diverse unità archivistiche interessanti le vicende comunali nell'archivio privato della Famiglia Niccolini di Camugliano, alla quale Ponsacco fu concesso in feudo nel 1637, nel quale sono state trasferite nel corso dei secoli passati. Maggiormente rilevante è, tuttavia, la dispersione e la distruzione di parte certamente consistente dell'Archivio comunale causata dalle vicende del secondo conflitto bellico. Da una ispezione compiuta da Bruno Casini nel novembre 1951 per conto della Soprintendenza Archivistica per la Toscana risultava che l'Archivio aveva subìto gravi danni proprio durante la Seconda Guerra mondiale, quando fu manomesso dalle truppe tedesche, prima, e da civili italiani, poi. Nel 1944, nei mesi precedenti il passaggio del fronte bellico, le truppe tedesche si erano, infatti, impossessate dei locali adibiti ad archivio comunale per istallarvi uffici e dormitori. Subito dopo il passaggio del fronte, gli stessi locali furono invasi dalla popolazione civile che asportò numerose unità archivistiche: proprio in questa circostanza andò perduta la più antica e pregevole parte degli atti, compresi gli inventari 2 (anche l'archivio del locale Partito Nazionale Fascista è andato perduto negli stessi mesi, essendo stato bruciato nel 1943). <...> La perdita degli inventari antichi ha impedito di determinare con esattezza l'entità delle unità archivistiche smarrite o distrutte, e inoltre i numerosi trasferimenti subiti dall'archivio in vari locali prima di trovare l'attuale collocazione, hanno contribuito a creare ulteriore disordine nell'organizzazione dei materiali. Si deve a Bruno Casini la prima inventariazione degli atti dell'Archivio storico precedenti al 1865, il quale, nel 1958, provvide ad un censimento delle unità archivistiche del periodo preunitario "sopravvissute" alle vicende belliche 3 . Dai verbali di una successiva ispezione della Soprintendenza Archivistica per la Toscana effettuata nel 1972, si apprende che la disposizione delle unità dell'archivio di deposito e, soprattutto, di quello corrente era ancora insufficientemente ordinata, tanto che l'anno successivo fu necessario provvedere a un ordinamento dei materiali, che si arrestò ai documenti anteriori al 1966. Fu compilato quindi un inventario dattiloscritto, anche se il criterio adottato, sostanzialmente cronologico senza che fosse contemplato il raggruppamento degli atti in serie distinte, ha limitato le potenzialità di questo strumento (il riordino dei diversi affari in base alle categorie previste dal titolario nazionale del 1897 è stato fatto, invece, anche se in misura limitata, per gli atti e carteggio degli affari comunali). Gli incaricati della Soprintendenza, nel luglio 1987, nel corso di un'ulteriore visita ispettiva, provvidero poi a reinserire alcuni documenti scartati durante le operazioni di riordinamento effettuate nel 1973, recuperando così una documentazione preziosa troppo frettolosamente eliminata 4 . Nel 1985 l'Archivio fu nuovamente trasferito in altri locali, maggiormente idonei alla conservazione e alla consultazione, dove tuttora si trova. Quest'ultimo trasloco ha permesso un'inventariazione definitiva dei materiali, effettuata attraverso il software sesamo, nonché la loro ricostruzione in serie documentarie distinte. Per quanto concerne l'archivio postunitario è opportuno segnalare che le trentadue serie di cui ora risulta composto sono, ovviamente, aperte e ciascuna ha una numerazione indipendente, in modo da consentire la loro prosecuzione con i materiali che saranno ricondotti ad esse dall'archivio di deposito trascorsi i quarant'anni previsti dalla normativa vigente: proprio in quest'ultimo limite temporale si deve rinvenire la ragione per cui l'inventariazione dell'Archivio si arresta al 1961.

Marco Cini


Informazioni e orari:
L'archivio storico è aperto tutti i mercoledì dalle 9.00 alle 13.00.


Per saperne di più
Comune di Ponsacco. Archivio storico - sito istituzionale



icona top