Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti conservatori - Ordine alfabetico » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Comune di Capannori. Archivio storico

Polo culturale Artemisia, via dell'Aeroporto 10, loc. Tassignano
55012 - Capannori (Lucca)

Telefono: 0583/428739
0583/428719
Email: archivio@comune.capannori.lu.it

Note storiche:
Non si hanno notizie precise sulla struttura amministrativa della Comunità di Capannori risalente al sec. XIII. Possiamo dire che la comunità, nell'ambito del Distretto delle Sei Miglia, ebbe una propria autonomia che si articolava in un Consiglio Generale con funzioni deliberative e in una magistratura collegiale esecutiva detta dei Governatori.
Nel 1801 Capannori, nel quadro della nuova Costituzione democratica della Repubblica di ispirazione francese, divenne una municipalità compresa nel Cantone del Serchio, ma questo non segnò una soluzione di continuità con le precedenti strutture.
A seguito della cessione del Ducato di Lucca al Granducato di Toscana, Capannori, venne inserita nel contesto amministrativo locale del granducato.
La Comunità Toscana di Capannori ebbe quindi un Consilio Comunitativo con poteri deliberativi e un Magistrato Comunitativo, composto da un Gonfaloniere e da dei Priori, detentore del potere esecutivo. La Comunità di Capannori venne compresa nella Cancelleria Comunitativa di Lucca.
Il Comune di Lucca e quello di Capannori, uniti con decreto ducale del 1819, videro la loro divisione a seguito del decreto ducale del 23 settembre 1823.
Infatti, il decreto ducale di Maria Luisa di Borbone del 24 settembre 1823 divise i Comuni di Lucca e di Capannori prima riuniti in una unica Amministrazione.
La sezione amministrativa e burocratica del Comune di Capannori venne riorganizzata a partire dal 1 gennaio 1824.
La scissione avvenne solo formalmente dato che nella pratica continuarono ad usare gli stessi locali posti in Lucca in Piazza S. Giusto. Il Comune di Lucca acquistò la sede di Palazzo Santini nel 1832.
Da documenti conservati presso il Comune di Capannori comunale si rileva la notizia che nel 1841 l'archivio era collocato nel primo piano nello stabile di proprietà del Comune di Lucca.
A seguito della richiesta del Comune di Lucca di lasciare i propri locali, il Comune di Capannori trovò un'altra sede, il primo piano di un casamento posto in Via S. Anastasio nella zona del Suffragio.
Nel 1851 venne stipulato un contratto di affitto tra il Gonfaloniere del Comune di Capannori e Don Carlo Ghilarducci, che agiva in qualità di Amministratore dell'Opera della Chiesa di S. Maria Forisportam, proprietaria dei beni ricevuti a seguito dell'eredità della Sig. ra Anna Andreoni. Per esigenze di spazi il Comune sempre nel 1851 stipulò un ulteriore contratto di affitto di locali posti al secondo piano di un casamento di proprietà Lippi, sempre in luogo detto a Sant'Anastasio. Bisogna arrivare al 1867 anno in cui il Comune di Capannori acquistò il Palazzo Lippi mantenendovi la propria sede amministrativa fino al 1978.
La legge del 20 marzo 1865 n. 2248, che regolamentava le funzioni dei Comuni all'interno del nuovo Stato unitario, segna la nascita del moderno Comune di Capannori. Nel settembre del 1978 il Comune di Capannori si è trasferito a Capannori nell'attuale sede in Piazza Aldo Moro e, dopo i lavori di riordino dell'archivio preunitario, nel 2007, solo questa parte è stata trasferita al Polo Culturale Artemisia, Tassignano.


Informazioni e orari:
L'Archivio storico del Comune è aperto al pubblico per la consultazione con il seguente orario: giovedì 9.00-13.00.
L'Archivio preunitario conservato presso la sede di Artemisia è aperto solo su appuntamento con il seguente orario: giovedì 14.00-16.00.


Per saperne di più
Comune di Capannori. Archivio storico comunale
Comune di Capannori - SIUSA



icona top