Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Cancelleria dopo la Restaurazione

Livello: fondo

Estremi cronologici: 1812 giu. 13 - 1893

Consistenza: 90 unità

Dopo l'interruzione del periodo napoleonico fino al 1848 l'ufficio del Cancelliere riprende vita senza sostanziali cambiamenti, come si evince dal «Ruolo provvisorio dei Cancellieri e aiuti comunitativi delle infrascritte comunità approvato da S.E. il sig. Ministro Plenipotenziario di S.A.I.e R. il Gran Duca Ferdinando III con rescritto del 25 giugno 1814» conservato nella filza n. 1861 a c. 2 che contiene anche una «Richiesta di unione della Comunità di Cerreto alla Cancelleria di Fucecchio».
A seguito della Legge 8 marzo 1848 la Cancelleria fu trasformata in Ufficio del Censo e il Cancelliere Comunitativo divenne Cancelliere del Censo, la Toscana fu ripartita in sette Compartimenti di Prefettura che, dal punto di vista amministrativo, furono divisi in Distretti costituiti da più comunità. Nell'archivio di Fucecchio questa riforma è testimoniata a partire dalla filza n. 1906.




icona top