Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Cancelleria comunitativa di Santa Croce

Livello: fondo

Estremi cronologici: 1814 - 1825

Consistenza: 58 unità

Dopo la parentesi francese si ritornò alle vecchie cancellerie comunitative e i cancellieri, passati alle dipendenze controllo di quattro uffici di sovrintendenza comunitativa, sotto il coordinamento dell'ufficio centrale delle comunità del Granducato 1 , ripresero le consuete competenze sulle comunità e luoghi pii. Con la legge 18 giugno 1817 ai cancellieri fu affidato il compito di occuparsi degli affari di stato civile, cioè raccogliere e conservare le periodiche dichiarazioni dei parroci sulle nascite, sulle morti e sui matrimoni 2 . Nel 1825 il granducato fu suddiviso in Circondari di acque e strade, sotto la direzione di un Ingegnere che avrebbe curato la manutenzione delle strade e degli argini, l'attività dei cancellieri assunse incombenze sempre più specifiche in materia catastale.




icona top