Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Arruolamento militare

Livello: serie

Estremi cronologici: 1820-1866

Consistenza: 25 unità

La coscrizione obbligatoria, introdotta dai francesi, fu abolita con la Restaurazione e si tornò al sistema dell'arruolamento volontario. Per questo scopo, in occasione del reclutamento del 1820, fu istituita presso ogni comune un'apposita deputazione per l'arruolamento militare, che aveva il compito di fornire un contingente prefissato di uomini. Si ricorreva al reclutamento coatto solamente nei casi in cui il numero dei volontari risultasse insufficiente. Le deputazioni, rivelatesi strumenti efficaci per semplificare le operazioni di reclutamento, divennero permanenti nel 1826, quando fu reintrodotta la coscrizione obbligatoria col metodo dell'estrazione a sorte. 1 Nella comunità di Sesto la deputazione fu costituita dal podestà, dal gonfaloniere, dal primo priore del magistrato comunale e dal sotto cancelliere comunitativo.


icona top