Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Imborsazioni e tratte icona

Livello: serie

Estremi cronologici: 1790

Consistenza: 1 unità

Questa tipologia di documenti fu introdotta dal regolamento generale per le comunità del contado fiorentino,1 che rendevano omogenei per tutte le comunità comprese in quest'area gli organi di rappresentanza politica, annullando di fatto i sistemi elettorali precedentemente vigenti, sanciti dagli statuti locali.

Il regolamento particolare2 stabiliva che la comunità di Casellina e Torri fosse retta da un esecutivo ristretto, composto dal gonfaloniere e da sette rappresentanti, e dal consiglio generale, formato dai rappresentanti di tutte le parrocchie comprese nella nuova comunità. Per essere ammessi a risiedere nel magistrato era necessario il possesso di beni immobili non inferiori ad un fiorino di decima; per il consiglio erano invece inclusi nelle borse i nominativi di tutti i capifamiglia di ciascun popolo (borse popolari).

Le Istruzioni emanate nel 17793 affidavano ai cancellieri comunitativi il compito di verificare che la tratta dei residenti nel magistrato e nel consiglio fosse fatta alle debite scadenze.



9
"Imborsazione degli Uffizi comunitativi 1790"
con repertorio 1
Registro cartaceo legato in pergamena cc. 152, cc. 107 scritte
1790
icona top