Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetto conservatore:
  • Atti diversi

Contenuto della pagina


Atti diversi

Livello: fondo

Estremi cronologici: sec. XIII - 1883

Consistenza: 9 unità


1(47 - I A)
Sunto delle cartapecore della Comunità di Prato
Fu fatto dal dott. Amadio Baldanzi nel 1779 per commissione del Magistrato comunale. Le pergamene, ora all'Archivio di Stato di Firenze, vanno dal 1078 al 1469.
In fine, copia di una carta del 14 maggio 1324, ind. VII, che faceva da copertina ad un libro di conti dell'Opera di S. Pietro a Galciana e fu inviata all'Archivio di Stato di Lucca nel 1880; concerne l'Altopascio.
1779
2(51 - I A)
Vari stemmi e cartapecore (tit. in cost.)
Stemmi di podestà e capitani tolti dalle coperte dei loro libri, dei secc. XIII-XIV.
Le poche pergamene che erano in questa cartella sono ora nella cassetta 467 P.
sec. XIII - sec. XIV
31(55 - I A (fasc. 3))
Memorie per il Cancelliere della Città di Prato
In questo presente libro saranno annotate tutte le deliberazioni che si dovranno eseguire da me Cancelliere mese per mese, ecc.
Quaderno del sec. XVII, con la nota delle doti da conferirsi annualmente; dei benefizi e chiese di patronato del Comune e del Contado; ricordi di cancelleria, predicatori per la Quaresima in Cattedrale, 1719-51; nota dei lettori di Sapienza e dell'Istituto, 1693-1747.
sec. XVII - 1751
4(258 P)
Governo Francese. Verbali di affitto di beni demaniali, 1808-09
1808 - 1809
5(419 P)
Festa dell'Albero della Libertà fatta in Prato il 21 aprile 1799
Cartella con note di spese e ricevute.
1799 apr. 21
61(429 P)
Rubrica di circolari varie, dal 1862 al 1874
1862 - 1874
7(467 P)
Cassetta di cartapecore
Durante il riordinamento dell'Archivio si sono trovate pergamene e frammenti di antichi codici che è parso opportuno collocare in questa cassetta. Le pergamene sono disposte in quattro fasci.
I. 1 - 1254 - Contratto tra la Pieve di S. Stefano e la Badia di S. Fabiano, rog. Benricevuto fu Angiorino. Dono del prof. Ferdinando Carlesi.
2 - 125... - Vendita di beni tra Guicciardo e Benvenuto. Frammento.
3 - 1295, agosto 19 - Mone e Pagnino di Simone dell'Abate, col consenso del loro procuratore e della loro tutrice, fanno fine e remissione a ser Nuto e Albertino di Giovanni e a Giuntino di Bonavoglia, rog. Ormanno di Salvuccio.
4 - 1298 - Atti di una causa vertente davanti a mess. Pace de' Marabuttini da Arezzo, podestà di Cortona, tra Parello del fu Guido, Lando del fu Guinello e Bartolommeo del fu Guido di Monte..., rog. Bonaventura. Proviene dalle carte Sernini-Cucciatti; ved. Miscellanee, cart. 11.
5 - Sec. XIII - [Stefano] figlio del fu Parente, di Porta Tiezi, fa la portata dei suoi beni e diritti. Mancante della fine.
6 - Sec. XIII - Pace tra Mingo del fu... di Porta S. Trinita, e Guccio fu Bonaccorso, rog. Lorenzo del fu Malpelo.
7-8-9 - Sec. XIII - Frammenti di pergamene.
10 - 1302, giugno 8 - Sentenza pronunziata dal giudice di mess. Musciatto, podestà di Prato, nella lite tra Ranuccio di Camante, sindaco e procuratore dell'abate e monastero di S. Salvatotre a Vaiano, e Betto di Ventura, rog. Coppia di ser Meo.
11 - 1311, aprile 29 - Lanfranco e Guidalotto figli del fu Tingo da Calenzano nominano loro procuratore ser Lorenzo del fu Merguglio, rog. Ciolo.
12 - 1328, gennaio 27, ind. XII - Atti riguardanti mess. Cante detto Cantino da Acri. Frammento.
13 - 1349, gennaio 3, ind. III - Gli uomini e università della villa di Tobbiana eleggono il sindaco, rog. Francesco del fu Naddino.
14 - 1364, gennaio 1, ind. III - Gli uomini e università della villa di Casale eleggono il sindaco, rog. Leone di ser Bartolommeo.
15 - 1375, giugno... - Atti di Costanza e di Albertino come tutori e curatori di Lottieri. Frammento.
16 - 1377, gennaio 1, ind. I - Gli uomini e università della villa di Tavola eleggono il sindaco, rog. Niccolò del fu mess. Tedaldo Inghirami.
17 - Sec. XIV - Fede di iscrizione di Nanni di Piero della villa di Figline, distretto di Prato, nel catasto del Comune di Firenze. Frammento.
18-19 - Pergamene del sec. XIV.
20 - 1401, marzo 7, ind. X - Matteo del fu Baronto, di Porta Fuia, comparisce davanti a mess. Giovanni di Niccolò da Teramo, giudice e vicario del podestà di Prato, quale procuratore di Antonia vedova e figlia del fu Iacopo di Niccolò, di Porta Fuia, per dichiarare i beni avuti in dote da Guadagno del fu Mazza già suo marito. Rog. Giuliano di ser Iacopo di ser Arrighetto.
21 - 1407, giugno 8 - Michele del fu Vanni de' Castellani di Firenze vende una casa con loggia. Frammento.
22 - 1416, ind. IX - Simone di Piero Milanesi mercante in Buda nomina procuratori il padre, lo zio ed i fratelli perché stipulino il suo matrimonio con Tommasa di Piero Tosti da Firenze, rog. Arcangelo da Amelia. Dono del prof. Ferdinando Carlesi. Edita da R. Nuti, Un mercante pratese in Ungheria nel secolo XV, in Archivio Storico Pratese, anno XII, pagg. 1-5.
1

Documenti relativi all'acquisto Gonnelli del 1939 [MA e OM]
23 - 1279 - Data di Forte da Santa Lucia sposa di Guglielmo già da Secciano. Il notaio Naccio del fu Berricevuto, per commissione fattagli dal Consiglio Generale, scrisse dai rogiti del fu ser Berricevuto di Angiorino.
24 - 1540(41) gennaio 26 - Elezione di Roberto di Felice Dei del Beccuto in Podestà di Prato per sei mesi da cominciare il 26 agosto.
25 - 1552(53) gennaio 26 - Elezione come sopra di Pietro di Bartolomeo di Giovanni Orlandini per ugual periodo di tempo.
26 - 1586(87) marzo 1 - Decreto di Filippo Modesti, protonotario apostolico e vicario generale del card. Ferdinando de' Medici proposto di Prato, diretto al chierico Il... di Giuliano dei Martini, cui assegna la Cappellania di S. Giuliano nella chiesa parrocchiale di S. Iacopo di Prato, la quale è di patronato delle suore di S. Vincenzo di Firenze per mezzo di suor Pacifica dei Torelli.

II. Frammenti di libri di imbreviature notarili.
1 - 1269-70 - Carte 6.
2 - 1277 - Carte 2.
3 - 1283-4 - Carte 1 e mezza, rog. Torello di ser Guglielmo.
4 - 1299 - Carte 1. Dono di cesare Guasti.
5-6 - Sec. XIII - Carte 2.
7 - 1312-3 - Carte 2.
8 - 1306 - Carte 3.
9 - 1325 - Carte 2.
10 - 1342-3 - 4 mezze carte.
11 - 1360 - Carte 2, rog. Iacopo di benincasa di ser Giovanni.

III. Pergamene, acquisto Piattoli.
1 - Testamento di Lotto di Ridolfo Manassei, 1442. Frammento.
2 - Patente di medico cerusico rilasciata a Paolo Tassini pratese dai dottori ed esaminatori della città di Firenze, 1574.
3 - Dispensa rilasciata da papa Innocenzo al prete Giuseppe Meucci, sec. XVII.

IV. Lettere papali.
1 - Gregorio XI, ai priori delle arti e gonfaloniere di giustizia del Comune di Firenze, per chiedere la revoca del bando a favore di Antonio di Bartolommeo maestro del restauro e della ricostruzione delle basiliche dei Santi Apostoli Pietro e Paolo e Giovanni in Laterano. Da Avignone, id. octubr. anno 3° del pontificato [1374].
2 - Urbano VI, a Benedetto Iacobello abate del Monastero di S. Reparata in Alpibus, diocesi di Faenza. Da Genova, non. sept., anno 9° del pontificato [1387].
Dei frammenti di codici basterà accennare che si tratta di testi giuridici e liturgici dei secoli XIII-XIV, tutti in pergamena.


sec. XIII - 1587 mar. 1
81(844 P)
Cartella miscellanea A
1 - Statuti del Comune, sec. XIV. Cinque carte, di cui una con framm. di rubricario e le altre con rubriche della parte III. Membr.
2 - Milizie pratesi. Elenchi di balestrieri, sec. XIV; elenchi di fanti che andarono a S. Miniato il giorno di Natale del 1387.
3 - Lettera di Filippo Guazzalotti a Francesco Guazzalotti podestà di Cittadella, 22 ottobre 1379; lettera di Cante dei Guillianti da Prato canonico di Verona a Francesco sudd., 24 novembre; lettera di una donna a Cante Francesco in Padova. Edite da A. Medin in Archivio Storico Italiano, serie V, vol. IV (1892) e dallo stesso donate al Comune.
4 - Componimento poetico in ottave. Frammento, sec. XV.
6 - La Divina Commedia. Una carta in 4°, scritta su due colonne, con iniziali rosse al primo verso di ogni terzina e lettera grande, miniata, al principio del canto. Comincia: «Quel che giacea il muso inazi caccia» del canto XXV; finisce: «ma per seguir virtute e conoscenza» del canto XXVI. Questa carta faceva da guardia ad una filza, da cui fu levata il 14 novembre 1927; è scrittura del sec. XV princ. Come si legge in un titolo della prima faccia, fece da copertina ad un libro del podestà Rondinelli.
7 - Scritture musicali. Due carte, di cui una con la canzonetta Una moscha di buschaya; sec. XVI, princ.
9 - Lettere dell'ambasciatore della Comunità, Firenze, dal luglio 1632 al 7 marzo 1636. Registro mancante delle prime 19 carte e interrotto alla carta 110. In fine, una lettera del 30 gennaio 1690 sulla Canova. Avendo il Comune ottenuto nel 1631 di tenere a Firenze un ambasciatore fisso, fu eletto Paolo Verzoni il 3 settembre di quell'anno; restò in tale ufficio fino all'agosto 1637, quando l'ambasciata fissa fu soppressa; cfr. G. Giani, Un illustre uomo pratese dimenticato, in Archivio Storico Pratese, anno I, pag. 86.
10 - Inventari de' luoghi pii e monasteri de' parati consegnati per trasmettersi ai Signori Nove per le feste della venuta della Sposa del gran principe Ferdinando, 1638.
11 - Provvisioni del Consiglio del Popolo e del Comune di Firenze. Frammento membr. di due carte, in fol., 1397.
sec. XIV - 1690 gen. 30
91

Materiale contenuto nella busta miscellanea n. 9 [MA e OM]
ins.1 - Copia dattiloscritta dei "Capitoli da osservarsi rigorosamente per il gioco del calcio" in occasione della Fiera, settembre 1779.
ins.2 - Note dei cavalli per la corsa, 1814 - 1825
- Nota di spese in occasione della Fiera del 1825
ins.3 - Documenti relativi ai palchi eretti in occasione delle corse dell'11 settembre, 1825 - 1883


1779 set. - 1883

icona top