Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Arti diverse

Livello: serie

Estremi cronologici: 1358 lug. - 1775

Consistenza: 7 unità


34(601)
Nel presente libro si registreranno più decreti, sentenze e consulti fatti a favore della comunità di Prato da diversi Magistrati della Città di Firenze per causa del mantenimento e difesa de' privilegi stati concessi a' pratesi et in particolare sopra le Arti.
Cominciato l'anno 1660 da Giov. Maria Baroni, cancelliere comunale.
1660 - [1693]
35(602)
Vacchetta dei Consoli de l'Arti della Comunità di Prato, dall'anno 1750 al ***
Libro di tratte fino al 1773 tenuto dal cancelliere comunale per le Arti degli speziali, rigattieri, fornai, fabbri, muratori, legnaioli, barbieri, calzolai, albergatori, pizzicagnoli, macellari.
1750 - 1773
36(603)
Mallevadori dei mugnai, sensali, sarti, rivenduglioli et fornai
I predetti artigiani dovevan dare ogni anno mallevadori per rendere buon conto di ciò che perveniva alle loro mani e rifar danni.
In questo libro sono registrati i mallevadori dal 1553 al 1582.
1553 - 1582
37-39(604-606)
Libri dei mallevadori, dal 1582 al 1638
Cfr. C. Guasti, Il Breve dell'Arte dei beccai, in Sigilli pratesi editi e inediti, estratto dal Periodico di Numismatica e Sfragistica, anno IV, fasc. III.
R. Piattoli, Lo Statuto dell'Arte dei padroni dei mulini sulla destra del Bisenzio (1296), Prato, 1936.

Numero N. antico Anni
dal al
37 604 Mallevadori 1582 1592
38 605 " 1593 1607
39 606 " 1608 1638




1582 - 1638
40(607)
Relazioni di diverse Arti di vari tempi
Cartella delle denuncie dei commerci e traffici che gli industriali e commercianti pratesi fecero circa l'anno 1768 al Cancelliere del Comune d'ordine sovrano. Le denunzie specificano i diversi articoli fabbricati o lavorati da ciascuno nel quinquennio 1760-65, con la indicazione del valore della merce e del luogo di smercio. Su di esse il cancelliere Conforti compilò una relazione che si trova in minuta nella Filza di cancelleria n. 647.
1768
icona top