Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Camarlingo generale

Livello: serie

Estremi cronologici: 1285 mag. - 1865

Consistenza: 466 unità

Nelle mani di quest'ufficiale si raccoglieva il denaro di tutte le entrate, che eracustodito nella Camera; da lui si pagavano le spese; egli conservava il sigillo da apporsi alle lettere prima della spedizione. Durante il tempo dell'indipendenza comunale si trovano di frequente due camarlinghi ad esercitare l'ufficio che per alcuni anni troviamo nelle mani di due frati del Carmine. Un notaro, chiamato notaro di Camera, aveva il compito di registrare in appositi libri le partite dei pagamenti e delle riscossioni e tutte le altre scritture contabili. Il Consiglio Generale eleggeva i revisori della gestione e determinava chi doveva approvarne la relazione.
Più ampiamente che nelle lacunose carte del libero Comune si leggono stabiliti gli obblighi del Camarlingo negli Ordinamenti del 1405 (Diurno 297) e nei Capitoli del 1439 (Diurno 297), attraverso i quali si ha notizia che i camarlinghi erano tenuti a rispondere per tutta la massa dell'estimo, dei dazi, delle imposte e gravezze che fossero state approvate e bandite dai Comuni di Prato e di Firenze e a intraprendere le azioni opportune contro i debitori. Una riforma statutaria del 1463 (Statuti 8, fasc. 8) prescrive in sei mesi la durata dell'ufficio e l'estrazione dei candidati da una borsa in cui erano posti i terrazzani ritenuti idonei a tale magistratura. Il Camarlingo non poteva mettere a uscita alcuna somma di denaro se prima non avesse ricevuto dalle mani del Cancelliere la cedola di stanziamento, ed il Cancelliere non poteva dare la cedola ad altri se non al titolare della Camera o al suo legittimo procuratore. Salvo brevi parentesi, questa magistratura fu sempre occupata da pratesi; anzi essa era molto ambita dai membri delle principali famiglie, prima della borghesia artigiana che giunse al potere del Comune dopo l'esodo e la fine delle antiche consorterie magnatizie, poi dalla nobiltà cittadina che fu in gran parte discendente ed erede di quella operosa borghesia.
I libri più antichi dei camarlinghi ci sono giunti, come tutte le altre serie di quest'Archivio, assai lacunosi; per di più chi ebbe a ordinarli li dispose in modo assai confuso rispetto all'ordine cronologico e alla materia e li mescolò a quelli delle Gabelle e delle Ragioni includendovene anche altri del tutto estranei che avrebbe dovuto porre a sé.


873(1)
Frammenti di Entrata e Uscita dal 1289 al 1296 (titolo in costola)
Filza membr. in fol. di c. 231 n. n. con libri di camarlinghi generali degli anni 1289-93, 1296-97 e 1320. Vi sono inoltre un libro di spese per le fosse delle cerchie di Prato, di anno posteriore al 1316; e due fasci di carte in gran parte non datate, fra cui alcune dei mesi agosto-settembre 1297 e due fogli di un libro di redditi del Comune, dono del prof. Ferdinando Carlesi, il primo dei quali è dell'anno 1314.
1289 - 1320
874(2)
Frammenti di Entrata e Uscita dal 1297 al 1304 (tit. in cost.)
Filza membr. in fol. di c. 392 n. n. che riunisce i quaderni o libri dei camarlinghi Leonardo da Pisa e Albertino da Pistoia, frati dell'ordine di S. maria del Carmine, per gli anni 1298-1303 e fino a tutto aprile 1304. Durante gli anni 1300-02 fra Donato da Firenze e frate Angiolo si succedono al posto di Leonardo.
Dal giugno 1304 fino al termine dell'anno esercitano l'ufficio di camarlinghi ser Cenni di benincasa e Nuto di Benodi, pinzocheri.
1298 - 1304
875(3)
Frammenti di Entrata e Uscita dal 1296 al 1342 (tit. in cost.)
Filza membr. in fol. di c. 512 n. n. con libri o parte di libri dei camarlinghi: ser Rischiarato e Giannibello, dei mesi gennaio-maggio 1297; dei frati Albertino e Donato, del febbraio 1304, ind. III; di ser Iacopo di ser Napoleone da S. Miniato, dell'anno 1318; di Iacopo di Lippo di Boninsegna da S. Gimignano, del marzo-maggio 1320; di ser Biagio di Manetto da Colle, dal giugno 1321 a tutto agosto 1322 e dal settembre 1342 a tutto l'anno 1347; di ser Stefano di Giovanni da Firenze, del dicembre 1332 e gennaio-ottobre 1334.
Le carte 9-10 hanno l'elenco dei quaranta buoni guelfi eletti consiglieri del Comune per i mesi maggio-giugno 1285 e marzo-aprile 1286; le carte 35-36 le spese fatte per la questione avuta dal Comune e dal proposto di S. Stefano col Vescovo di Pistoia (1317).
1285 mag. - 1347
876(4)
Frammenti di Entrata e Uscita dal 1295 al 1319 (tit. in cost.)
Cartella di libri in 4° dei camarlinghi generali degli anni 1295, 1300, 1310, 1312, 1318 e dei camarlinghi delle gabelle degli anni 1314-15, 1317, 1318-20. Nel libro di entrate giugno-ottobre 1318 sono registrati i fitti pagati dagli usufruttuari dei beni dei ribelli.
1295 - 1320
877(5)
Frammenti di Entrata e Uscita dal 1319 al 1323 (tit. in cost.)
Cartella di libri in 4°; il primo soltanto è del camarlingo generale (marzo-giugno 1320); gli altri tredici sono delle gabelle degli anni 1320-24. L'ultimo, che è un libro di entrata della gabella dei carcerati, ha nella copertina gli ordinamenti del carcere e la tassa che ogni detenuto doveva pagare a seconda del reato commesso.
1320 - 1324
878(6)
Frammenti di Entrata e Uscita dal 1324 al 1335 (tit. in cost.)
Cartella di libri in 4°; tre sono del camarlingo generale (1327 e 1333-36); sedici sono delle gabelle (1324-29, 1331-34); quello segnato di n. 17 è un libro di entrata dei danni dati, in cui si contiene la ragione del danaro pervenuto alle mani del camarlingo per tale causa e per gli ornamenti delle donne, ed è scritto in volgare da ser Bartolo di ser Biccio da Signa (1336).
1324 - 1336
879(6bis)
(Senza titolo). Cartella con i seguenti framm. dei libri di incanto delle gabelle:
Questi sono gli ordinamenti delle gabelle delle porti et de passaggi di Prato et del Disstrecto.
Elenco dei generi soggetti a gabella, in volgare, con a fianco per ciascuno la somma da pagarsi; senza data, ma della prima metà del sec. XIV.
In 4°, carte 11 n. n.
Questa è lla gabbella che si tolle alle porti all'entrata.
Membr. in 4°, carte 6 n. n.
Elenco di cose soggette a gabella e quanto debbono pagare.
Membr. in 8°, carte 2 n. n., sec. XIV.
Kabella sigilli panis venalis qui fit in terra Prati et districtu, que incipit die primo mensis decembris hodie et finit die ultima mensis novembris proximi venturi, vendita est ser Manfredo ser Leucij, porte Sancte Trinitatis de Prato pro tempore et terminum unius anni... pro pretio et nomine pretii libr. Mviiijc... del 1° dicembre 1329.
Membr. in fol., con le annotazioni marginali dei pagamenti del collettore. È questo l'avanzo di un libro di incanti delle gabelle, di cui si hanno mal legate le carte num. orig. 1-8, 277-308.
Kabella olei forensis, venduta per un anno dal 7 gennaio 1329, ind. XIII, a ser Astolfo del fu ser Vanni di Prato per lire 630, da pagarsi a rate mensili di lire 52 e soldi 10.
Kabella fornellorum, tegolorum et vasellorum de Fegghine... venduta a Bellato di Giovanni di Figline, sindaco e procuratore dell'Arte predetta e ad altri della medesima Arte per il termine di un anno dal 1° gennaio 1329, ind. XIII, per lire 70, da pagarsi a rate mensili.
Kabella dationum insolut.. permutarum, cambij, divisionum rerum immobilium, relictorum et donationum inter vivos, venduta a ser Bartolommeo di ser Leuccio Guittimanni di Prato, per un anno dal 15 marzo 1329, ind. XIII, per lire 250, da pagarsi a rate mensili.
Kabella rigatteriorum, seu vendentium farsilia, sive guatarizia, tunicas, guarnacchas, seu pelles, lectos, seu tenent. apotechis dicte Artis, venduta a Nutino del fu Casino di porta Tiezi, sindaco e procuratore della detta Arte, per un anno dal 1° ottobre 1338, ind. VI, per lire 12, da pagarsi metà a marzo venturo e l'altra in settembre.
Kabella boctariorum, barlectariorum et bigongiarorum, venduta a Coppia del fu Giannuzzo o Iannuzo di porta Tiezi, sindaco e procuratore della detta Arte, per un anno dal 1° ottobre 1338, ind. VI, per lire 25, metà a marzo e l'altra in settembre.
Kabella calzolariorum, planellariorum, zoccholariorum, venduta a Cecco di Niero di porta Tiezi, sindaco e procuratore di detta Arte, per un anno dal 1° ottobre 1338, ind. VI, per lire 42 pagabili in due rate.
Kabella barberiorum, venduta a Falbene del fu Pacino di porta S. Trinita, sindaco e procuratore della detta Arte, per un anno dal 1° ottobre 1338, ind. VI, per lire 16, da pagarsi in due rate.
Kabella magistrorum lapidum terre Prati et eius districtus, venduta a Michele del fu Ciardo della porta Capodiponte, sindaco e procuratore della detta Arte, per un anno dal 1° ottobre 1338, ind. VI, per lire 28, da pagarsi in due rate.
Kabella fabrorum terre Prati et eius districtus, venduta a Iacopo di Cione della porta S. Giovanni, sindaco e procuratore della detta Arte, per un anno dal 1° ottobre 1338, ind. VI, per lire 80, da pagarsi a rate mensili.
Kabella vendentium ad minutum oleum, caseum et carnes sicchas, venduta a Giuntino del fu Piero di porta Gualdimare, sindaco e procuratore della detta Arte, per un anno dal 1° ottobre 1338, ind. VI, per lire 50, da pagarsi in due rate.
Kabella fornariorum, venduta a Nello di Tuccio di porta Travaglio, sindaco e procuratore dell'Arte dei fornai di Prato, per un anno dal 1° ottobre 1338, ind. VI, per lire 20, metà a marzo e metà a settembre.
Kabella Artis et Universitatis fornacciariorum terre Prati et districtus, venduta a Credi di Tuccio della porta S. Giovanni, sindaco e procuratore della detta Arte, per un anno dal 1° ottobre 1338, ind. VI, per lire 35.
Kabella sartorum terre Prati et districtus, venduta a Vanni di Bonaventura di porta Fuia, sindaco e procuratore dell'Arte suddetta, per un anno dal 1° ottobre 1338, ind. VI, per lire 28.
Kabella spetiariorum et merciariorum terre Prati et districtus, venduta a Schiatta di Viero, sindaco dell'Arte stessa, per un anno dal 1° ottobre 1338, ind. VI, per lire 26.
Kabella statere grosse, venduta a Bartolo del fu Terio di porta Capodiponte, per un anno dal 25 luglio 1338, ind. VI, per lire 55.
Kabella guadi terre Prati et eius districtus, venduta a Matteo del fu Leo di porta Fuia, per un anno dal 15 luglio 1338, ind. VI, per lire 46.
Kabella meretricum et postribuli terre Prati, venduta a Maso di Nuccetto della porta Capodiponte e a Bonanno del fu Lapo della porta Tiezi, per un anno dal 21 luglio 1338, ind. VI, per lire 375.
Kabella gualcheriariorum et pannorum che si portano alle gualchiere di Prato e del Distretto, venduta a ser Tolomeo del fu Puccio di porta Travaglio e Matteo del fu Leo di porta Fuia, per un anno dal 16 agosto 1338, ind. VI, per lire 280.
A c. 277 si ha il seguito di un atto di vendita di una gabella delle frutta. Da una notazione di coatto pagamento dell'ultima rata, in data 17 marzo 1339, ind. VII, parrebbe che l'appaltatore fosse un Tuccio di Bartolo.
Kabella venditionum poma vel fruttuum alborum, vel ligumina, vel oliva super pratea vel alibi infra cerchias terre Prati, except. que in Mercatali Bisentium diebus forj, venduta a Lorenzo di Fuligno di porta Fuia, per un anno dal 16 marzo 1338, ind. VI, per lire 191.
Kabella spaczature terre Prati, venduta a Nardo di Guiduccio di porta Fuia, per un anno dal 20 aprile 1338, ind. VI, per lire 55.
Kabella mutuantium sub pingnore, venduta a Guido di Cione di porta Fuia, per un anno dal 15 maggio 1337, ind. VII, per lire 300.
Kabella dotium terre Prati, venduta a Nardo di Guiduccio di porta Fuia, per un anno dal 19 marzo 1337, ind. VI, per lire 160.
Kabella bestiar. que venduntur, venduta a Arrighetto del fu mess. Iacopo e a Cecco del fu Giannibello, per un anno dal 24 marzo 1337, ind. VI, per lire 800.
Kabella macelli bestiarum que occiduntur in terre Prati, venduta a Biligiardo di Tura e a Puccino del fu Gherarduccio della porta Capodiponte, per un anno dal 13 giugno 1338, ind. VI, per lire 980.
Kabella grani et bladi, che si vendono nel Comune di Prato e nel Distretto e sulla piazza, venduta a Ranuccino di Marsoppino di porta S. Trinita, per un anno dal 1° luglio 1338, ind. VI, per lire 1780.
Kabella carcer. et carceratorum Comunis Prati, venduta a Francesco di ser Naccio, Rodolfo del fu Guidone, ser Cianianello di ser Ciuto, Piero del fu ser Meo e Francesco del fu Lippo, per un anno sal 10 Gennaio 1329, ind. XIII, per lire 80.
Kabella sartorum terre Prati et districtus, venduta a Vanni di Bonaventura, sindaco dell'Arte dei sarti, per un anno dal 16 agosto 1329, ind. XIII, per lire 35.
1329 - 1338
880(7)
Frammenti di Entrata e Uscita dal 1336 al 1342 (tit. in cost.)
Cartella in 4° con 15 libri dei camarlinghi e di entrate delle gabelle, degli anni 1327, 1336-40 e 1342, ind. IX. Vi è anche un fascio di frammenti di libri di gabelle dei secoli XV-XVI, di cui due datati 1356 e 1372. Il n. 5 è un libro di spese per le Mura, il nuovo palazzo comunale e un ponte sul Bisenzio (1337); il n. 6 è il «Libro del chamarlingo de' danari de' danni dati» (1338). Una tarda annotazione sulla prima carta del libro segnato di n. 8 dice «Gabelle 1340 e notari di Prato»; il libro contiene denunzie di cose soggette a tassa e atti di sequestro, nonché l'elenco dei notari che si obbligano a presentare i contratti su cui deve pagarsi gabella. Sotto il n. 11 si ha la nota delle cose soggette alla gabella delle porte e quanto debbono pagare (sec. XIV).
1327 - sec. XVI
881(8)
Frammenti di Entrata e Uscita dal 1289 al 1404 (tit. in cost.)
Cartella in 4° con 16 libri, dei quali 13 sono dei camarlinghi delle gabelle; il n. 1 è un libro di accuse e inquisizioni del podestà Belforte dei Belforti (agosto-novembre 1285) con 2 cc. staccate di un libro simile del podestà Maffeo (1299); il n. 6 è una vacchetta del sale pesato; i n. 12-15 hanno l'entrata della tassa dei focolari e dell'estimo. Al n. 9 si ha l'«Entrata e uscita di Bartolomeo di Piero Bizochi kamarlingo al Monte della Piatà l'anno MCCCCLXXXVIIII» con 2 cc. di egual libro dell'anno precedente. Sotto il n. 17 sono framm. di gabelle (1334 e 1342), un libro di precetti del capitano Bonifazio dei Bonconsigli (1293) e una rubrica di nomi (sec. XVII).
1285 ago. - sec. XVII
882(9)
Pagamenti del Comune di Prato al Comune di Firenze 1387-1401 (tit. sulla cop.)
Registro delle ricevute dei pagamenti fatti per imposte varie dal 25 febbraio 1387 al 31 marzo 1401.
Vacchetta membr. in fol. di c. 37 tutte scritte e num. fino alla 23.
1387 feb. 25 - 1401 mar. 31
883(10)
Entrata e Uscita dal 1351 al 1359 (tit. in cost.)
Sono raccolti in questa cartella 10 libro membr. in fol. dei camarlinghi del Comune per gli anni indicati, ma incompleti. Al penultimo è annessa una carta del 25 maggio 1557 portante questo titolo: «Pagato noi Iacopo Cicognini depositario del puntone (bastione) di Santo Giusto questi maestri muratori che hanno murato questo giorno...».
1351 - 1557 mag. 25
884(11)
Entrata e Uscita dal 1360 al 1367 (tit. in cost.)
In fol., 9 libri membr. del camarlingo maggiore.
1360 - 1367
885(12)
Entrata e Uscita dal 1368 al 1370 (tit. in cost.)
In fol., i primi 3 libri (1367-69) sono membr., gli altri 4 cart.; il n. 6 è l'«Entrata di dazzio 1370 di Francescho».
1367 - 1370
886(13)
Entrata e Uscita dal 1371 al 1379 (tit. in cost.)
In fol. cart., 13 libri dei camarlinghi generali. Alcune copertine di questi libri servirono prima a racchiudere registri di un'azienda laniera perché portano questi titoli di mano trecentesca: Pettinatori - Orditori - Memoriale T - Tintori e Conciatori A - Orditori e Tesitori.
1371 - 1379
887(14)
Entrata e Uscita dal 1380 al 1385 (tit. in cost.)
In fol. cart., 7 libri; mancano quelli degli anni 1381-82. Anche tra questi libri qualcuno ha la copertina con titoli orditori, tessitori, ecc.
1380 - 1385
888(15)
Entrata e Uscita dal 1396 al 1404 (tit. in cost.)
In fol. cart., 4 libri degli anni 1391-92, 1395-96, 1399-401 e 1404.
1396 - 1404
889(16)
Entrata e Uscita dal 1406 al 1422 (tit. in cost.)
In fol., 5 libri degli anni 1406, 1409, 1410-15, 1422-23. Il n. 3 porta questo titolo: «In questo libro chome seguiterà iscriveroe io Lapo di ser Dietaiuti lanaiolo in Prato tutti i debiti ch'io riceveroe et pacherò a stanzia et petizione di Nicholaio di Bernardo, Piero di Geri, Meo di Ridolfo, Pavolo di Bertino, uficiali di debito chiamati per lo Chomune di Prato e di loro m'ànno fatto loro chamarlingo» (1410-15).
1406 - 1423
890(17)
Entrata e Uscita del 1407 (tit. in cost.)
Vacchetta in fol. di c. 285 num. fino alla 100 che contiene le entrate al tempo di Cristofano di Paolo Banchelli e di Bonaccorso di Chele provveditori della Camera del Comune e di Piero di Vannozzo camarlingo.
1407
891(18)
Entrata e Uscita dal 1425 al 1443 (tit. in cost.)
In fol. cart., 6 libri degli anni 1425, 1431-33, 1435, 1439-41, 1444. Il n. 2 ha questo titolo: «...qui in questo chome seguiterà schriveremo noi cioè Zanobi di ser Bartolomeo q. Franciesho di ser Diettaiuti tucti e ciascheduno balestrieri et maraiuoli i quali deono avere dal Chomune di Prato per loro soldo usato e andatte le quali avesono fate in servigio del Chomune» (1431-33).
1425 - 1444
892(19)
Entrata e Uscita dal 1443 al 1454 (tit. in cost.)
In fol. cart., 9 libri; mancano quelli degli anni 1444, 1449.
1443 - 1454
893(20)
Entrata e Uscita dal 1455 al 1498 (tit. in cost.)
In fol. cart., 4 libri degli anni 1455, 1460, 1478-79 e 1490-93. A c. 55t del libro segnato di n. 3 si legge questa nota; «Io Piero di Nicolò di Piero Canbioni notaio da Prato in su questo libro da qui inanzi scriverrò tucti e contracti ch'io farò»; nelle cc. 56-58 sono le minute di quattro atti, dell'anno 1498.
1455 - 1498
894-917(21-44)
Rapporti delle ragioni dei camarlinghi del Comune e delle Case pie
Si è detto che il Consiglio Generale eleggeva i rationerii o revisori della gestione dei camarlinghi, i quali erano incaricati di stendere un rapporto da portarsi all'approvazione di quel consesso. I più antichi esempi di tali rationes si trovano inserti nella filza n. 3 e sono degli anni 1304 e 1317. Si usò poi raccoglierle in registri o filze insieme a quelle dei camarlinghi delle Case pie che dipendevano interamente dal Comune.
Il 1° vol. contiene i rapporti e saldi dal 1454 al 1482; vi è inoltre la ragione del camarlingo Bartolomeo di Lionardo Saccagnini degli anni 1446-48. Coi volumi 21-38 e 44 in fol., gli atti corrono dal 1532 al 1779; i num. 39-42 sono filze in 4° con la serie dei rapporti orig. dal 1652 al 1747. La filza 43 contiene framm. di saldi dal 1379 al 1621.

Numero N. antico Anni
dal al
894 21 1454 1482
895 22 1532 1539
896 23 1540 1550
897 24 1541 1549
898 25 1550 1563
899 26 1550 1555
900 27 1557 1578
901 28 1563 1573
902 29 1574 1584
903 30 1584 1618
904 31 1603 1652
905 32 1616 1629
906 33 1629 1639
907 34 1639 1650
908 35 1652 1671
909 36 1570 1593
910 37 1574 1593
911 38 1653 1742
912 39 1652 1683
913 40 1683 1709
914 41 1710 1732
915 42 1727 1747
916 43 1379 1621
917 44 1742 1779




1379 - 1779
918-1213(88-383)
Libri di entrata e uscita dei camarlinghi generali e dei camarlinghi della Decima
Voll. duecentonovantasette nei quali, a partire dal 1° marzo 1543 fino a tutto dicembre 1808, si ha il prospetto degli introiti e delle spese del Comune per le varie branche dell'amministrazione e dei servizi pubblici.
I due camarlinghi si trovano dapprima nominati per un anno fino a tutto il 1558, poi per sei mesi a partire dal 1° maggio 1559 e quindi dallo stesso giorno del 1563 la durata della carica ritorna annuale fino a che, cambiatosi dal 1730 l'antico nome in quello di Depositario della Comunità, la si volle conguagliare nel 1775 coll'anno solare. Dal 1586 non si hanno più i libri separati per la Decima, perché la riscossione di questa fu affidata al camarlingo generale.

Numero N. antico Anni
dal al
918 88 1543
919 89 1544
920 90 1545
921 91 1546
922 92 1547
923 93 1548
924 94 1549
925 95 1548
926 96 1549
927 97 1550
928 98 1551
929 99 1552
930 100 1552
931 101 1552
932 102 1553
933 103 1554
934 104 1554
935 105 1555
936 106 1556
937 107 1556
938 108 1557
939 109 1557
940 110 1558
941 111 1558
942 112 1559
943 113 1559
944 114 1559
945 115 1560
946 116 1560
947 117 1560
948 118 1561
949 119 1561
950 120 1562
951 121 1562
952 122 1563
953 123 1563
954 124 1563
955 125 1564
956 126 1564
957 127 1565
958 128 1565
959 129 1565
960 130 1565
961 131 1566
962 132 1566
963 133 1567
964 134 1567
965 135 1568
966 136 1568
967 137 1569
968 138 1569
969 139 1570
970 140 1570
971 141 1571
972 142 1572
973 143 1572
974 144 1572
975 145 1573
976 146 1573
977 147 1574
978 148 1574 1575
979 149 1575
980 150 1575
981 151 1576
982 152 1577
983 153 1577
984 154 1577
985 155 1578
986 156 1579
987 157 1579
988 158 1579
989 159 1580
990 160 1581
991 161 1582
992 162 1583
993 163 1583
994 164 1584
995 165 1584 1586
996 166 1586
997 167 1586
998 168 1587
999 169 1588
1000 170 1589
1001 171 1590
1002 172 1591
1003 173 1592
1004 174 1593
1005 175 1594
1006 176 1595 1596
1007 177 1597
1008 178 1598
1009 179 1599
1010 180 1600
1011 181 1601 1602
1012 182 1603 1604
1013 183 1605
1014 184 1606
1015 185 1607
1016 186 1608
1017 187 1609
1018 188 1610
1019 189 1611
1020 190 1612
1021 191 1613
1022 192 1614
1023 193 1615
1024 194 1616
1025 195 1617
1026 196 1618
1027 197 1619
1028 198 1620
1029 199 1621
1030 200 1622
1031 201 1623
1032 202 1624
1033 203 1625
1034 204 1626
1035 205 1627
1036 206 1628
1037 207 1629
1038 208 1630
1039 209 1631 1632
1040 210 1633
1041 211 1634
1042 212 1635 1636
1043 213 1637
1044 214 1638 1639
1045 215 1639
1046 216 1640
1047 217 1641
1048 218 1642
1049 219 1643
1050 220 1643
1051 221 1644
1052 222 1647
1053 223 1648
1054 224 1649
1055 225 1650
1056 226 1651
1057 227 1652
1058 228 1653
1059 229 1654 1655
1060 230 1654
1061 231 1655
1062 232 1656
1063 233 1657
1064 234 1658
1065 235 1658
1066 236 1659
1067 237 1660
1068 238 1661
1069 239 1662
1070 240 1663
1071 241 1664
1072 242 1665
1073 243 1666
1074 244 1667
1075 245 1668
1076 246 1669
1077 247 1670
1078 248 1671
1079 249 1672
1080 250 1673
1081 251 1674
1082 252 1675
1083 253 1676
1084 254 1677
1085 255 1678
1086 256 1679
1087 257 1680
1088 258 1681
1089 259 1682
1090 260 1683
1091 261 1684
1092 262 1685
1093 263 1686
1094 264 1687
1095 265 1688
1096 266 1689
1097 267 1690
1098 268 1691
1099 269 1692
1100 270 1693
1101 271 1694
1102 272 1695
1103 273 1696
1104 274 1697
1105 275 1698
1106 276 1699
1107 277 1700
1108 278 1701
1109 279 1702
1110 280 1703
1111 281 1704
1112 282 1705
1113 283 1706
1114 284 1707
1115 285 1708
1116 286 1709
1117 287 1710
1118 288 1711
1119 289 1712
1120 290 1713
1121 291 1714
1122 292 1715
1123 293 1716
1124 294 1717
1125 295 1718
1126 296 1719
1127 297 1720
1128 298 1721
1129 299 1722
1130 300 1723
1131 301 1724
1132 302 1725
1133 303 1726
1134 304 1727
1135 305 1728
1136 306 1729
1137 307 1730
1138 308 1731 1732
1139 309 1733
1140 310 1734
1141 311 1735
1142 312 1736
1143 313 1737
1144 314 1738
1145 315 1739
1146 316 1740
1147 317 1741
1148 318 1742
1149 319 1743
1150 320 1744
1151 321 1745 1746
1152 322 1746 1747
1153 323 1747 1748
1154 324 1748 1749
1155 325 1750 1751
1156 326 1751 1752
1157 327 1752 1753
1158 328 1753 1754
1159 329 1754 1755
1160 330 1755 1756
1161 331 1756 1757
1162 332 1757 1758
1163 333 1758 1759
1164 334 1759 1760
1165 335 1760 1761
1166 336 1761 1762
1167 337 1762 1763
1168 338 1763 1764
1169 339 1764 1765
1170 340 1765 1766
1171 341 1766 1767
1172 342 1767 1768
1173 343 1768 1769
1174 344 1769 1770
1175 345 1770 1771
1176 346 1771 1772
1177 347 1772 1773
1178 348 1773 1774
1179 349 1774
1180 350 1775
1181 351 1776
1182 352 1777
1183 353 1778
1184 354 1779
1185 355 1780
1186 356 1781
1187 357 1782
1188 358 1783
1189 359 1784
1190 360 1785
1191 361 1786
1192 362 1787
1193 363 1788
1194 364 1789
1195 365 1790
1196 366 1791
1197 367 1792
1198 368 1793
1199 369 1794
1200 370 1795
1201 371 1796
1202 372 1797
1203 373 1798
1204 374 1799
1205 375 1800
1206 376 1801
1207 377 1802
1208 378 1803
1209 379 1804
1210 380 1805
1211 381 1806
1212 382 1807
1213 383 1808




1543 mar. 1 - 1808 dic. 31
1214(1416)
Ricordi del Camarlingo e memorie della Cappella di Musica dal 1418 al 1660 (tit. in cost.)
Cart. in 4° e in 8° che contiene:
Libro dei pegni di Stefano di ser Tingo, dal 1° agosto 1418 al 31 gennaio 1419.
Debitori e creditori di Prato, 1550-51.
Libro di ricevute dei pagamenti fatti a Firenze per tasse varie dal camarlingo del Comune di Prato, 1560-80.
Quadernuccio tenuto da Lorenzo Cicognini per conto di mess. Pierant. Convenevoli camarlingo gen., 1551.
1418 ago. 1 - 1580
12151
1556 Sumpto di partite casse da' ministri del Magistrato de' Cinque et quello che si domanda per justificatione di epse delle ragioni di tredici camarlinghi stati nella Comunità di Prato, 1543-55. Segue la Notula di spese per conto di guerra et altro facte dal 1552 al 1555.
Quadernetti e carte sciolte dei camarlinghi del quarto e quinto decennio del sec. XVI.
Libretti dei camarlinghi degli anni 1618, 1621, 1626, 1628 e 1641-46.
Quaderno per le lampane dell'olio a fiaschi, 1650-51.
Mandati e quietanze del camarlingo della Cappella di Musica, 1660-66.
1543 - 1666
1216(1417)
Camarlingo Generale dal 1505 al 1514 (tit. in cost.)
In questa cartella sono raccolti i libri delle entrate degli anni 1508-14 e un libriccino di memorie degli anni 1641-72.
1508 - 1672
1217(1418)
Camarlingo Generale dal 1514 al 1518 (tit. in cost.)
Cartella con i libri dell'entrata e uscita deglianni indicati, meno il 1517.
1514 - 1518
1218(1419)
Camarlingo Generale dal 1525 al 1530 (tit. in cost.)
Vi sono anche i libri degli anni 1522-24.
1522 - 1530
1219(1420)
Camarlingo Generale dal 1530 al 1538 (tit. in cost.)
La coperta del libro degli anni 1531-32 è costituita da un ms. ebraico.
1530 - 1538
1220(1421)
Camarlingo Generale dal 1538 al 1576 (tit. in cost.)
Vi sono soltanto i libri degli anni 1538-42 e uno del 1473.
1473 - 1542
1221(384)
Documenti relativi al saldo del Camarlingo della Comune di Prato per l'anno 1808
Filza in 4°.
Annessa la Toscana nel 1807 all'Impero francese, fu col decreto del 12 maggio 1808 nominata una Giunta per introdurre anche da noi le forme e le istituzioni francesi. Prato fu allora compresa nel dipartimento dell'Arno e nel circondario dell'Ombrone. A capo del Comune, abolito il Gonfaloniere, fu posto il Maire con un ristretto Consiglio comunale. Il 1° luglio 1808 cessò l'ultimo dei camarlinghi, che era Vaio Vai, e fu sostituito da un francese col titolo di percettore delle contribuzioni della Comunità. Col 30 settembre 1809 gli successe Giuseppe Geppi col titolo straniero di Ricevitore municipale (cfr. G. Corsani, Amministrazione e contabilità in Prato ai primi dell'Ottocento, in Archivio Storico Pratese, anno III, 1920).
1808
1222(385)
Estratto del sommario dei debitori della Comune per rendite costituite, o fondiarie, per pensioni o prestazioni annue, affitti ecc., esistenti al termine dell'anno 1808 e negli anni successivi fino al 1814 con le note dei pagamenti fatti
Registro in fol. con repertorio.
1809 - 1814
1223-1226(386, 387, 389, 393)
Journal géneral et livre de caisse
degli anni 1811-1814
Registri 4 in fol.

Numero N. antico Anni
dal al
1223 386 1814
1224 387 1813
1225 389 1812
1226 393 1811




1811 - 1814
1227-1228(388, 390)
Livre des dépenses
degli anni 1812 e 1813
Registri in fol.
1812 - 1813
1229-1233(392, 395-96, 398-99)
Registri delle riscossioni e pagamenti, degli anni 1809-11
Registri in fol.

Numero N. antico Anni
dal al
1229 392 1811
1230 395 1810
1231 396 1810
1232 398 1809
1233 399 1809




1809 - 1811
1234-1236(391, 394, 397)
Ètat des recettes et dépenses de la Ville de Prato - Budget della Comune di Prato - 1809-11
Registri in fol.

Numero N. antico Anni
dal al
1234 391 1811
1235 394 1810
1236 397 1809




1809 - 1811
1237(400)
Compte presenté par le Receveur Municipal de la Comune de Prato à MM. le President et Maitres de la Cour des Comptes à Paris
Vol. in fol. coi conti degli anni 1809-14.
1809 - 1814
1238-1239(401-402)
Saldi dell'entrata e uscita del Comune degli anni 1815-17
Registri in fol.
1815 - 1817
1240-1246(403-409)
Bilanci di previsione e rendimenti di conti o saldi degli anni dal 1817 al 1865
Registri 6 e una cartella.

Numero N. antico Anni
dal al
1240 403 1817 1828
1241 404 1829 1836
1242 405 1837 1842
1243 406 1842 1845
1244 407 1845 1850
1245 408 1851 1860
1246 409 1861 1865




1817 - 1865
1247(410)
Prato - Bilanci dal 1851 al 1860
Cartella con gli allegati di corredo ai bilanci.
1851 - 1860
1248-1249(411-412)
Osservazioni ai saldi della Comunità di Prato fatte dalla Ragioneria della Camera Comunitativa di Firenze con le risposte del Municipio, dal 1815 al 1864
Registri in fol.
1815 - 1864
1250-1301(468-519)
Documenti di corredo al saldo, dal 1813 al 1864, raccolti in cartelle annuali

Numero N. antico Anni
dal al
1250 468 1813
1251 469 1814
1252 470 1815
1253 471 1816
1254 472 1817
1255 473 1818
1256 474 1819
1257 475 1820
1258 476 1821
1259 477 1822
1260 478 1823
1261 479 1824
1262 480 1825
1263 481 1826
1264 482 1827
1265 483 1828
1266 484 1829
1267 485 1830
1268 486 1831
1269 487 1832
1270 488 1833
1271 489 1834
1272 490 1835
1273 491 1836
1274 492 1837
1275 493 1838
1276 494 1839
1277 495 1840
1278 496 1841
1279 497 1842
1280 498 1843
1281 499 1844
1282 500 1845
1283 501 1846
1284 502 1847
1285 503 1848
1286 504 1849
1287 505 1850
1288 506 1851
1289 507 1852
1290 508 1853
1291 509 1854
1292 510 1855
1293 511 1856
1294 512 1857
1295 513 1858
1296 514 1859
1297 515 1860
1298 516 1861
1299 517 1862
1300 518 1863
1301 519 1864




1813 - 1864
1302-1338(430-466)
Registri dei mandati, dal 1829 al 1864
In fol.

Numero N. antico Anni
dal al
1302 430 1829
1303 431 1830
1304 432 1831
1305 433 1831
1306 434 1832
1307 435 1833
1308 436 1834
1309 437 1835
1310 438 1836
1311 439 1837
1312 440 1838
1313 441 1839
1314 442 1840
1315 443 1841
1316 444 1842
1317 445 1843
1318 446 1844
1319 447 1845
1320 448 1846
1321 449 1847
1322 450 1848
1323 451 1849
1324 452 1850
1325 453 1851
1326 454 1852
1327 455 1853
1328 456 1854
1329 457 1855
1330 458 1856
1331 459 1857
1332 460 1858
1333 461 1859
1334 462 1860
1335 463 1861
1336 464 1862
1337 465 1863
1338 466 1864




1829 - 1864
icona top