Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Tassa prediale e dazio comunitativo icona

Livello: sottoserie

Estremi cronologici: 1851-1854

Consistenza: 4 unità

Nel corso del 1816 fu abolita la «tassa di redenzione» pagata al fisco fiorentino dalle diverse comunità che la riscuotevano dai proprietari di beni immobili, sottoposti al dazio comunitativo dei possidenti.
In sostituzione fu istituita una nuova tassa prediale 1 . La tangente di tassa assegnata a ciascuna comunità era da questa aumentata della somma necessaria a sopperire alle altre spese particolari previste nel bilancio comunale e quindi ripartita fra i possidenti.
Con riferimento alle sue due componenti si denominò «Tassa prediale e dazio comunitativo». Mentre gli introiti del dazio andavano alla comunità, il provento della tassa regia veniva versato dai camarlinghi alla I.R.Depositeria.
La serie dei «dazzaioli» della tassa del camarlingo di Montevarchi è ridotta a un frammento di sole 4 unità.


359
Dazzaiolo della tassa prediale e del dazio comunitativo
Reg. leg. cart. di pp. 156
1851
360
Dazzaiolo della tassa prediale e del dazio comunitativo
Reg. leg. cart. di pp. 150
1852
361
Dazzaiolo della tassa prediale e del dazio comunitativo
Reg. leg. cart. di pp. 155
1853
362
Dazzaiolo della tassa prediale e del dazio comunitativo
Reg. leg. cart. di cc. scritte fino a 191
1854
icona top