Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Doti del legato Dupouy

Livello: fondo

Estremi cronologici: 1856 - 1927

Consistenza: 2 unità

Il nobile Francesco Dupouy, con testamento del 17 giugno 1853, volle istituire con titolo di legato «quattro doti annue di scudi cinque per ciascheduna da pagarsi ne modi che appresso a quattro povere fanciulle della pieve di Montemurlo, le quali almeno da un anno siano domiciliate in detta pieve; più esibiscano gli attestati di povertà, e di buoni costumi, di frequenza al catechismo e di età non minore di anni quindici compiti, e non maggiore di anni trentacinque parimente compiti. A tale effetto il parroco pro tempore di detta pieve, che resta specialmente incaricato, dovrà imborsare quelle fanciulle del suo popolo che abbiano i requisiti di sopra, e deverrà alla estrazione nel dì 31 di dicembre di ogni anno la sera dopo le funzioni parrocchiali ...». Le suddette doti appena estratte dovevano essere depositate presso la Cassa di Risparmio di Prato per rimanere fruttifere fino al momento del matrimonio spirituale o temporale delle fanciulle. Queste conservavano l'obbligo di «recitare per tre volte il rosario di quindici poste in suffragio dell'anima del signore testatore».


429
Libro di atti delle estrazioni delle doti
Registro legato in tela pp. 31
1856 dic. 31 - 1908 gen. 12
430
Registro delle fanciulle estratte per doti
Registro legato in tela
1856 - 1927

icona top