Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Imposizione del decimino e testanti

Livello: serie

Estremi cronologici: 1700 - 1775

Consistenza: 4 unità

Il dazio del decimino e testanti era una forma di imposizione diretta che colpiva tutti i lavoratori di terre e i produttori di redditi artigianali, detti "testanti", che avevano residenza nel contado fiorentino. I primi erano iscritti nei ruoli fiscali per una cifra proporzionale alla decima pagata, alla città di Firenze, dai proprietari delle terre che lavoravano; i secondi erano iscritti per una somma fissa calcolata sull'estimo delle teste, cioè sul censimento e la valutazione delle capacità contributive di ogni maschio adulto. I proventi di questa imposizione erano destinati a soddisfare le spese ordinarie del magistrato fiorentino dei Nove conservatori; le spese ordinarie per i popoli del contado, come il pagamento degli ufficiali periferici e il mantenimento delle strade; le spese cosiddette "universali", come quelle di tipo militare e diplomatico. L'ammontare della tassa, calcolato annualmente secondo un complesso procedimento contabile, era ripartito tra i popoli del contado 1 . In base a questa ripartizione i cancellieri compilavano i dazzaioli che venivano infine consegnati ai camarlinghi competenti per l'esazione.
La serie dei dazzaioli del decimino e testanti dei popoli della podesteria di Barbialla e Montaione prende avvio nel 1700 ed è costituita da quattro filze, due delle quali raccolgono i registri relativi ai popoli di Castelnuovo, Barbialla, San Bartolomeo a Santo Stefano, San Giorgio a Canneto, San Quintino, Collegalli e San Piero a Coiano; e le altre due quelli relativi a Montaione, Castelfalfi, Vignale e Tonda. Si segnala, in ambedue i casi, una lacuna tra gli anni 1719 e 1765, tale lacuna era già evidente nell'inventario di cancelleria del 1859 2 .


16(6)
Dazzaioli del decimino e testanti di Castelnuovo, Barbialla, San Bartolomeo a Santo Stefano, San Giorgio a Canneto, San Quintino, Collegalli e San Piero a Coiano 1
1) 1700 - 1701, cc. 1-18,
Palmazio Mannaioni
senza cancelliere 1 2) 1700 - 1701, cc. 1-38, con repertorio
c. s.
senza cancelliere
3) 1704 - 1705, cc. 1-33 e s. n.,
c. s.
senza cancelliere
4) 1705 - 1706, cc. 1-69,
c. s.
Giovanni Battista Fabbrini

5) 1706 - 1707, cc. 1-70,
c. s.
c. s.

6) 1707 - 1708, cc. 1-72,
c. s.
c. s.

7) 1708 - 1709, cc. 1-79, con repertorio camarlingo
c. s.
c. s.

8) 1709 - 1710, cc. 1-55; 61-66, con repertorio
c. s.
c. s.

9) 1710 - 1711, cc. 1-33 e s. n., con repertorio
c. s.
c. s.

10) 1711 - 1712, cc. 1-68, con repertorio
c. s.
c. s.

11) 1712 - 1713, cc. 1-62, con repertorio
c. s.
c. s.

12) 1713 - 1714, cc. 1-62, con repertorio
c. s.
c. s.

13) 1714 - 1715, cc. 1-58, con repertorio
c. s.
c. s.

14) 1715 - 1716, cc. 1-55, con repertorio
c. s.
c. s.

15) [1716 - 1717], cc. 1-62,
c. s.
Tommaso Mugnai aiuto

16) 1717 - 1718, cc. 1-54, con repertorio
c. s.
c. s.

Filza di 16 registri legata in pergamena mediocre
1700 mar. - 1718 feb.
17(2)
Dazzaioli del decimino e testanti ed altre entrate di Castelnuovo, Barbialla, San Bartolomeo a Santo Stefano, San Giorgio a Canneto, San Quintino, Collegalli e San Piero a Coiano
1) 1765 - 1766, cc. 1-47 (numerate a fronte), con repertorio
Francesco Galletti
Giovanni Lupardi

2) 1766 - 1767, cc. 1-47 (numerate a fronte),
c. s.
c. s.

3) 1767 - 1768, cc. 1-45 (numerate a fronte), con repertorio
c. s.
Gaspero Taddei aiuto

4) 1769 - 1770, cc. 1-46 (numerate a fronte), con repertorio
c. s.
c. s. aiuto

5) 1770 - 1771, cc. 1-47 (numerate a fronte), con repertorio
c. s.
Giuseppe Vallesi aiuto

6) 1771 - 1772, cc. 1-48, con repertorio
c. s.
c. s. aiuto

7) 1772 - 1773, cc. 1-46, con repertorio
c. s.
c. s. aiuto

8) 1773 - 1774, cc. 1-48, con repertorio
c. s.
c. s. aiuto

Filza di 8 registri legata in pergamena mediocre
1765 mar. - 1774 feb.
18(1)
Dazzaioli del decimino e testanti di Montaione, Castelfalfi, Vignale e Tonda
1) 1704 - 1705, cc. s. n.,
Palmazio Mannaioni
senza cancelliere
2) 1705 - 1706, cc. 1-119, con repertorio
Palmazio Mannaioni
senza cancelliere
3) 1706 - 1707, cc. 1-91, con repertorio
c. s.
Giovanni Battista Fabbrini

4) 1707 - 1708, cc. 1-79,
c. s.
c. s.

5) 1708 - 1709, cc. 1-78 con repertorio
c. s.
c. s.

6) 1709 - 1710, cc. 1-85,
c. s.
c. s.

7) 1711 - 1712, cc. 1-79, con repertorio camarlingo
c. s.
senza cancelliere
8) 1710 - 1711, cc. 1-83,
c. s.
senza cancelliere
9) 1712 - 1713, cc. 1-77,
c. s.
Giovanni Battista Fabbrini

10) 1713 - 1714, cc. 1-78,
c. s.
c. s.

11) 1714 - 1715, cc. 1-72,
c. s.
c. s.

12) 1715 - 1716, cc. 1-72,
c. s.
c. s.

13) 1716 - 1717, cc. 1-66,
c. s.
c. s.

14) 1717 - 1718, cc. 1-67,
c. s.
c. s.

15) 1718 - 1719, cc. 1-68,
c. s.
c. s.

Filza di 15 registri legata in cartone
1704 mar. - 1719 feb.
19(7)
Dazzaioli del decimino e testanti, ed altre entrate di Montaione, Castelfalfi, Vignale e Tonda
1) 1765 - 1766, cc. 1.70, con repertorio
Francesco Galletti
Giovanni Battista Lupardi

2) 1766 - 1767, cc. 1-65, con repertorio
c. s.
c. s.

3) 1767 - 1768, cc. 1-64 e s. n., con repertorio
c. s.
Gaspero Taddei aiuto

4) 1768 - 1769, cc. 1-61, con repertorio
c. s.
c. s. aiuto

5) 1769 - 1770, cc. 1-58, con repertorio (strappato)
c. s.
c. s. aiuto

6) 1770 - 1771, cc. 1-61, con repertorio
c. s.
Giuseppe Vallesi aiuto

7) 1771 - 1772, cc. 1-62, con repertorio
c. s.
c. s. aiuto

8) 1772 - 1773, cc. 1-60,
c. s.
c. s. aiuto

9) 1773 - 1774, cc. 1-60,
c. s.
c. s. aiuto

10) 1774 - 1775, cc. 1-60,
c. s.
c. s. aiuto

Filza di 10 registri legata in cartone
1765 mar. - 1775 feb.
icona top