Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Depositeria dei pegni

Livello: serie

Estremi cronologici: 1679 - 1762

Consistenza: 2 unità

I pegni erano i beni sequestrati per ordine del podestà ai debitori insolventi. Secondo la normativa vigente il sequestro dei pegni era effettuato dal messo della podesteria che, in presenza degli stimatori, li consegnava al depositario. Quest'ultimo, ufficiale di nomina locale sottoposto al beneplacito dei Nove conservatori, aveva il compito di conservarli accuratamente.
I beni sequestrati venivano quindi descritti in appositi dazzaioli con indicazione della data di consegna, del nome del proprietario e di colui che aveva fatto istanza di pignoramento, il nome dell'esecutore e la somma per la quale era fatto il sequestro. Allo scadere dei termini fissati per legge, se non venivano riscattati dai proprietari, erano venduti all'incanto e il ricavato, detratte le cifre per il pagamento degli esecutori e per il giusdicente, veniva versato a saldo dell'insolvenza. Il depositario non poteva restituire alcun pegno senza la licenza scritta del cavaliere di corte e doveva rilasciare una ricevuta i cui estremi erano trascritti sul libro dei pegni. Prima dello scadere del mandato il depositario era tenuto a rendere conto del suo ufficio a due ragionieri e al cancelliere, e doveva consegnare al suo successore la nota dei pegni pendenti. La carica era annuale e solitamente veniva affidata al camarlingo della podesteria 1 .


20(27)
Libro dei pegni 1
Registro legato in pergamena cc. 1-125
1679 gen. 21 - 1693 set. 9
21(32)
Dazzaioli dei pegni 1
1) 1698 set. - 1699 giu., cc. 1-11,
Palmazio Mannaioni

2) 1699 lug. - 1700 apr., cc. 1-11,
c. s.

3) 1700 mag. - 1701 mar., cc. 1-17,
c. s.

4) 1701 apr. - 1701 dic., cc. s. n.,
c. s.

5) 1702 gen. - 1703 mar., cc. s. n.,
c. s.

6) 1703 mar. - 1705 gen., cc. s. n.,
c. s.

7) 1705 apr. - 1706 mar., cc. 1-6 non legate,
c. s.

8) 1717 mar. 1718 feb., cc. 1-5,
c. s.

9) 1718 mar. - 1719 feb., cc. 1-7,
c. s.

10) 1721 mar. - 1722 feb., cc. 1-9,
Lorenzo Baldanzi

11) 1722 mar. - 1723 feb., cc. 1-4,
c. s.

12) 1723 mar. - 1724 feb., cc. 1-3,
c. s.

13) 1724 mar. - 1725 feb., cc. 1-8,
c. s.

14) 1725 mar. - 1726 feb., cc. 1-12,
c. s.

15) 1726 mar. - 1727 feb., cc. 1-8,
c. s.

16) 1729 mar. - 1730 feb., cc. 1-8,
Giuseppe Baldanzi

17) 1734 mar. - 1735 feb., cc. 1-5,
c. s.

18) 1736 mar. - 1737 feb., cc. 1-9,
c. s.

19) 1737 mar. - 1738 feb., cc. 1-4,
c. s.

20) 1738 mar. - 1739 feb., cc. 1-9,
c. s.

21) 1739 mar. - 1740 feb., cc. 1-10,
c. s.

22) 1740 mar. - 1741 feb., cc. 1-8,
c. s.

23) 1741 mar. - 1742 feb., cc. 1-14,
c. s.

24) 1742 mar. - 1743 feb., cc. 1-6,
c. s.

25) 1743 mar. - 1744 feb., cc. 1-7,
c. s.

26) 1746 mar. - 1747 feb., cc. 1-8,
c. s.

27) 1747 mar. - 1748 feb., cc. 1-8,
c. s.

28) 1748 mar. - 1749 feb., cc. 1-7,
c. s.

29) 1749 mar. - 1750 feb., cc. 1-6,
c. s.

30) 1750 mar. - 1751 feb., cc. 1-7,
c. s.

31) 1751 mar. - 1752 feb., cc. 1-10 (num. sul retro),
c. s.

32) 1752 mar. - 1753 feb., cc. 1-16,
c. s.

33) 1753 mar. - 1754 feb., cc. 1-20,
c. s.

34) 1755 mar. - 1756 feb., cc. s. n.,
c. s.

35) 1757 mar. - 1758 feb., cc. 1-10,
c. s.

36) 1759 mar. - 1760 feb., cc. 1-15,
c. s.

37) 1761 mar. - 1762 feb., cc. 1-39,
c. s.

Busta contenente 37 piccoli registri
1698 set. - 1762 feb.
icona top