Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Tassa sui cani icona

Livello: serie

Estremi cronologici: 1856 - 1861

Consistenza: 6 unità

Istituita con il decreto del 3 luglio 1856 1 e regolamentata con l'editto emanato nella stessa data, la tassa ricadeva su tutti i proprietari o detentori di cani, che perciò erano tenuti a presentare denuncia al gonfaloniere del numero e della specie dei cani in loro possesso. In ogni ufficio comunale si doveva tenere "un esatto registro delle denunzie", sulla cui base poi si doveva formare "il dazzaiolo da darsi in esazione al camarlingo comunitativo". La somma riscossa andava a vantaggio della comunità medesima.


1184
Registro di denunzie di possesso, aumento, mancanza e diminuzione di cani
Reg.
1856
1185
Dazzaiolo della tassa sui cani
Reg.
1857
1186
Dazzaiolo della tassa sui cani
Reg.
1858
1187
Dazzaiolo della tassa sui cani
Reg.
1859
1188
Dazzaiolo della tassa sui cani
Reg.
1860
1189
Dazzaiolo della tassa sui cani
Reg.
1861
icona top