Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guardia nazionale

Livello: serie

Estremi cronologici: 1859 - 1869

Consistenza: 24 unità

A costituire la Guardia Nazionale, istituita dal governo provvisorio toscano con il decreto del 14 luglio 1859 1 , erano chiamati tutti coloro che avessero un'età compresa fra i 21 ed i 55 anni e che non fossero nullatenenti, mentre i giovani dai 18 ai 21 anni potevano esservi ammessi solo come volontari. Per l'organizzazione del corpo fu richiamata in vigore la legge del 4 marzo 1848, che prevedeva l'istituzione in ciascun comune di un consiglio di ricognizione, presieduto dal gonfaloniere. Questo consiglio compilava il registro matricola, sulla base del quale redigeva poi l'"elenco dei mobilizzabili" e infine i registri di controllo del servizio ordinario e di riserva, contenenti l'elenco alfabetico dei militi. Un consiglio di disciplina, presieduto dal comandante di divisione, decideva sui casi di infrazione al regolamento sulla scorta del lavoro dei relatori, che svolgevano funzioni di pubblico ministero. Un segretario teneva il registro delle sentenze.
Dal punto di vista economico, la Guardia era posta alle dipendenze dell'autorità comunale, mentre il comando militare era affidato ad un comandante che stabiliva il regolamento, che, decretato dal sindaco, era infine sottoposto all'approvazione del prefetto. Gli ufficiali invece erano eletti nell'adunanza dei cittadini iscritti, convocata e presieduta dal gonfaloniere.


icona top