Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Arruolamento militare

Livello: serie

Estremi cronologici: 1820 - 1870

Consistenza: 15 unità

Fino al 1853 1 , l'arruolamento militare era affidato ad una "Deputazione sull'arruolamento" composta dal podestà, dal gonfaloniere, dal primo priore e dal cancelliere comunitativo. Dal 1853 2 al 1859 le operazioni furono affidate invece ad un "Consiglio di circondario", composto dal delegato di governo e dai gonfalonieri di Monsummano, di Montecatini, di Buggiano e di Massa e Cozzile. Infine, dal 1860 3 l'amministrazione dell'arruolamento divenne di competenza di una "Deputazione di reclutamento" della comunità di Monsummano, composta dal gonfaloniere e da quattro deputati, eletti dal consiglio generale, e dal cancelliere comunitativo.
Per il reclutamento dei giovani che avessero compiuto il ventunesimo anno di età, le deputazioni avevano la facoltà di adottare "quel sistema che giudicheranno più opportuno ad ottenere l'intento di somministrare il richiesto numero di reclute col minor disturbo delle famiglie e col minor danno alla società". I sistemi previsti erano due: l'acquisizione dei giovani tramite premi, da finanziare imponendo una tassa su tutti i giovani sottoposti all'arruolamento, e la tratta.
Delle reclute "spedite" al comando militare si doveva redigere un "triplice registro", una copia del quale restava presso la deputazione.
Al gonfaloniere era affidato il compito di tenere, per conto della deputazione, la corrispondenza con l'incaricato della Direzione dell'arruolamento di Firenze.
I partiti della deputazione riguardano tutti gli affari relativi all'arruolamento, dagli editti di reclutamento alla formazione delle classi di leva, dall'approvazione dei ruoli alle esenzioni ed alle punizioni.
Dal 1853 le liste alfabetiche dei giovani, formate sulla base dei registri dello stato civile, furono compilate dal consiglio di circondario di Monsummano, sede di delegazione di governo. Le spese relative alle incombenze del consiglio si ripartivano fra i comuni del circondario. Per questo motivo la documentazione degli anni 1853-1859 relativa all'arruolamento nelle comunità dipendenti dalla cancelleria di Monsummano si trova nell'archivio del cancelliere comunitativo.


icona top