Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Statuti e riforme icona

Livello: serie

Estremi cronologici: 1575 ago. 1 - 1774 apr. 25

Consistenza: 4 unità

Gli statuti trecenteschi del comune di Massa e Cozzile non risultano pervenuti; il più antico esemplare di essi risale al 1420 1 ed è custodito presso l'Archivio di Stato di Firenze.
Presso l'archivio storico comunale sono conservati gli originali e alcune copie 2 di due successive revisioni generali degli statuti: quella del 1575 e quella del 1712. I due testi sono collegati dalle aggiunte e modifiche ad essi apportate ogni cinque anni a cura dell'ufficio dei Riformatori.
La prima revisione, approvata in Consiglio generale a Massa il primo agosto 1575 con atto ser Leonardo de Paolini da Fiorenzuola e ratificata a Firenze il 4 luglio 1576 3 , si configura come una traduzione in volgare del testo del 1420 con alcune modifiche e aggiunte apportate in tale occasione. La seconda revisione fu iniziata a cura di una deputazione di dodici residenti più tre forestieri nominata con deliberazione del 23 agosto 1711 e pubblicata nell'anno 1712 a cura del cancelliere comunitativo, Carlo Antonio Santini 4 , ed accolse e modificò la produzione dei riformatori intervenuta fra il 1575 e il 1711.
Nel 1774, in coincidenza con la grande riforma amministrativa leopoldina, la comunità ordinò si traesse una copia del materiale relativo agli statuti custodito presso l'Archivio di Palazzo della Città di Firenze, copia che è tuttora conservata nella presente serie e nella quale sono riportate fra l'altro le modifiche apportate dai Riformatori dal 1711 al 1766 5 .
In ambedue le revisioni, il testo degli statuti risulta diviso in due libri, il primo dei quali, senza titolo, concerne gli organi della comunità e le loro competenze mentre il secondo, dal titolo Del Danno dato, contiene regole e precetti anche in altre materie di controversia civile.


1*(n. 3; I35, cl. III, n. 3)
Statuti 1575
a) [Statuti del 1575]
1575 ago. 1 - 1718 lug. 16
"Al nome di Dio, Amen" "Ordini, et Statuti [...] del Comune di Massa e Cozzile [...] tradotti di latino in volgare dalli vecchi Statuti già approvati [...]".
cc. 1-60 con rep.
b) [...]
1712 [...]
"Riforma, e correzione delli Statuti del Comu[ne] di Massa e Cozzile".
cc. 1-38. poi n.n., bb. con rep.
c) [...]
s.d. "Minuta delle correzzioni [sic], e Riforma delli Statuti del Comune di Massa".
cc. n.n.
Reg. leg. mezza perg., cc. 60
1575 ago. 1 - 1718 lug. 16
2*(n. 4; I35, cl. III, n. 4)
Statuti del 1711
Reg. leg. mezza perg., cc. 44 poi bb.
1712 [...]
3*(n. 2; I35, cl. III, n. 2)
Statuto
"Al nome di Dio, Amen, l'anno [...] 1575 [...] a' dì primo del mese di Agosto [...]. Ordini et Statuti, et legi municipali del Comune di Massa e Cozzile di Valdinievole, tratti et tradotti di latino in volgare dalli vecchi Statuti già approvati l'anno 1420 a dì primo di Giugno, et altri di nuovo fatti et corretti [...]'.
Reg. leg. perg., cc. 139 poi n.n.
1575 ago. 1 - 1769 ago. 16
4*
Copia statuti del Comune di Massa e Cozzile
Si tratta della copia degli statuti del 1575 con aggiunte sino al 4 giugno 1766. Il testo è quello approvato dalla Pratica segreta (Ministro Simone Fabbrini) in data 25 aprile 1775.
Reg. leg. perg., cc. 139 poi n.n.
1575 ago. 1 - 1774 apr. 25
icona top