Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Estimo del Distretto ed entrate comunitative

Livello: serie

Estremi cronologici: 1645 - 1808

Consistenza: 139 unità

Il comune di Massa e Cozzile rientrava, dal punto di vista amministrativo, in quella parte dello Stato fiorentino denominata distretto. In essa, le spese cui i comuni dovevano far fronte in via ordinaria venivano finanziate mediante entrate proprie (rendite di immobili, proventi di multe, imposizioni locali previste dagli statuti) e, in misura prevalente, coll'introito dell'imposizione che andava sotto il nome di estimo. Essa colpiva i redditi dei beni immobili e quelli che risultavano dall'esercizio di arti e di traffici mentre ne furono esentati i lavoratori della terra.
I cespiti soggetti a imposta dovevano essere periodicamente denunciati al cancelliere comunitativo da parte dei cittadini e le denunzie così presentate (dette 'portate') venivano iscritte su appositi registri, i quaderni dell'estimo, dai quali risultava il loro ammontare lordo, l'imponibile netto e un coefficiente fiscale proporzionale a quest'ultimo espresso in lire, soldi e denari 'd'estimo'; sulla base di quest'ultimo, in ragione di appositi moltiplicatori computati 'a soldo d'estimo', si ricavava anno per anno l'esatto ammontare dell'importo dovuto da ciascun contribuente.
II cancelliere, una volta conosciuto il moltiplicatore fissato dal governo centrale per l'anno in corso, sulla scorta dei quaderni componeva i ruoli fiscali, detti 'dazzaioli', che riportavano sulle pagine dispari il nome del debitore e l'importo dovuto. Tali registri erano consegnati al camarlingo che iscriveva sulle pagine pari, restate in bianco, in corrispondenza di ciascun iscritto, le rate di pagamento di volta in volta assolte con la data e l'importo. In essi erano comunemente inclusi anche i ruoli di riscossione di altre imposizioni comunitative che costituivano le entrate proprie della comunità 1 . Tali ruoli, nei presenti registri, sono solitamente inseriti in ultimo, dopo il ruolo dell'estimo, e si riferiscono a una serie di imposizioni che variano anno per anno; per questo motivo si rinvia ad un esame diretto dei singoli pezzi dato che ogni elencazione avrebbe un valore puramente indicativo se non addirittura, in certi casi, fuorviante.
La documentazione preparatoria alla formazione dei ruoli fiscali, custodita presso questo archivio comunale sino al 1865, venne poi trasferita altrove ed attualmente, salvo poche eccezioni, si trova presso l'Archivio di Stato di Lucca (cfr. per ulteriori notizie al riguardo l'introduzione alla serie Estimi più oltre nel presente inventario). Il periodo considerato ai fini dell'imposizione coincide con l'anno solare, da gennaio a dicembre, sino al 1775; in seguito, esso aveva inizio il primo di maggio e si concludeva il trenta aprile dell'anno successivo.
Sono inclusi nella presente serie, oltre ai dazzaioli veri e propri, strutturati come sopra si è detto, anche alcuni registri di spogli dei debitori in cui si elencavano, anno per anno, i nomi dei morosi contro i quali si doveva procedere con atti di esecuzione da emanarsi a cura del giusdicente che ne aveva la competenza. Alcuni altri registri del genere, legati in volume con altro materiale miscellaneo di varia natura e che, per questo, non si sono potuti isolare si trovano descritti alle pp. 131 ss. del presente inventario.


icona top