Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Statuti icona

Livello: serie

Estremi cronologici: 1412 - 1680

Consistenza: 3 unità

Degli statuti di Massa esistono cinque redazioni: due sono presenti nell'Archivio storico comunale, due si trovano presso l'Archivio di Stato di Siena e una presso l'Archivio di Stato di Firenze 1 .


1
Statuti e ordini del comune e popolo della città di Massa
La materia statutaria si articola in quattro distinzioni 1 , la prima riguarda gli organi costituzionali ed è composta di 99 capitoli, la seconda il diritto civile ed è composta di 91 capitoli, la terza l'igiene e l'ordine pubblico ed è composta di 105 capitoli, infine la quarta che riguarda il diritto penale ed è composta di 191 capitoli. Il codice è acefalo e mutilo in molte parti, con asportazione di lembi e talvolta di intere carte. È privo di rubrica. Non contiene i nomi degli statutari e l 'approvazione senese. Presenta varie note a margine, tutte prive di data a eccezione di quella alla c. 130 che è datata 1 ottobre 1463. Inoltre, sono presenti varie aggiunte. Una alla c. 64 che riporta, contrassegnate come capitolo 91, due delibere degli statutari in relazione alla festa di S. Andrea e S. Cerbone, delle due la prima è in volgare e non presenta la data, la seconda è in latino e reca la data 12 ottobre 1482. Altre aggiunte si segnalano: alla c. 64v., che riporta alcune memorie di giudici eletti dal 1520 al 1549 e alla c. 65, che contiene una delibera del consiglio datata 11 aprile 1518. Infine, le cc. 89 - 90, di mano diversa, sostituiscono i capitoli da 102 a 105 della III distinzione del codice originario, erroneamente numerati.
Codice membranaceo cop. in pelle non originale cc. 135 1 restaurato
secolo XV
2
Statuti del danno dato 1
Statuti del danno dato della città e corte di Massa riformati nuovamente d'ordine di S.A.S. con i nomi, vocaboli e confini moderni, li quali s'erano perduti, e con alcuni privilegi conceduti dalla medesima A.S. a quelli che di nuovo vanno ad abitare o per certo tempo averanno abitato la detta città di Massa l'anno MDXC e poi copiati dall'originale anno MDCCXXXXV, in Siena..
Registro legatura in pelle con borchie di ottone cc. 71 di cui 56 scritte
1590
3
Statutorum magnificae civitatis Massae
Il corpo principale è costituito dalle prime quattro distinzioni che consistono nella trascrizione di quelle contenute nello statuto del XV secolo, più alcuni capitoli di aggiunte alla fine di ogni distinzione 1 . Le ultime due distinzioni, che consistono nella II e nella III del secondo codice, contengono, datate 17 settembre 1404 ind. VIII, le correzioni ad alcuni capitoli delle rubriche precedenti. Seguono altre addizioni fino all'ottobre 1542, nonché una controversia decisa dal tribunale della Rota di Siena con data 26 dicembre 1511 2 e infine alcune copie di bandi granducali del 1557 3 . La prima approvazione dello statuto è del 2 aprile 1746, mentre la seconda da parte dell'Ufficio dei Fossi e Coltivazioni di Grosseto è del 21 febbraio 1772.
2 volumi legati in pelle con borchie di ottone cc. 396 e 314 Si compone di due codici cartacei ognuno dei quali composto di tre distinzioni e rubrica.
1746
icona top