Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Libri contabili acquisiti dal Tribunale di Empoli

Livello: fondo

Estremi cronologici: 1764 - 1847

Consistenza: 54 unità

Si tratta di materiali depositati presso il Tribunale di Empoli in epoche diverse, presumibilmente in occasione di processi fallimentari. Il nucleo più cospicuo della documentazione in questione si riferisce, per gli anni 1772-1845, alla causa intentata dai creditori dei fratelli Ranieri, Giovanni, Pietro e Gaetano di Niccolò Pozzolini per la spartizione dei loro beni, derivanti per lo più da un'attività commerciale esercitata già a partire dalla fine del Settecento. Al riguardo si conservano libri mastri, libri di creditori, scartafacci di prime note, giornali, libri di mercanti e copialettere. Vi sono, inoltre, i saldi della fattoria di Montecalvoli, in affitto a Pietro Pozzolini, e due unità archivistiche contenenti atti processuali.
Altre scritture contabili interessano la concia di Pontorme, di proprietà di Tommaso Cantini (1764-1804); l'amministrazione, a cura della famiglia Giunti, della fattoria di Balconevisi, appartenente agli Strozzi, e di quella di Vitiana (1769-1806); la vetreria dei fratelli Giuseppe e Giovan Battista Levantini (1812-1820); il podere di Casalta e di Giuncaio, appartenente all'auditore (?) Giovan Battista Lorenzini (1830-1851); la tintoria di Vincenzio Susini (1822-1838); la fornace di Domenico Scappini, destinata alla produzione di vasellame (1845-1847).
Sono, infine, presenti un quaderno di bilancio della drogheria di Giovan Battista Nardi, non datato, ma presumibilmente ottocentesco; e due giornali di entrata e uscita, riguardanti rispettivamente gli anni 1780-1796 e 1803-1809, di incerta attribuzione.



icona top