Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Tassa prediale

Livello: serie

Estremi cronologici: 1815 - 1865

Consistenza: 26 unità

In seguito all'abolizione della tassa di redenzione pagata dalle diverse comunità al tempo del Granducato leopoldino e riguardante i proprietari di beni immobili, con legge 16 settembre 1816 si provvide ad istituire la nuova tassa prediale sui terreni e fabbricati. Riscosso dalla Comunità, l'importo della tassa prediale veniva versato dai camarlinghi alla regia Depositeria. Il cancelliere aveva il compito di formare un dazzaiolo o ruolo dei contribuenti per la registrazione dei nomi dei possessori di beni tra cui ripartire la tassa in ragione della cifra estimale.


1305(388)
Matrice del nuovo reparto della tassa di coloni e artigiani
Tassa prediale
Contiene indice iniziale dei popoli.
Reg. leg. 1\2 perg. cc. s.n.
1836
1306(360)
Saldi della tassa prediale e tassa di famiglia e rendiconti comunali
Tassa prediale
Contiene: 1) libro di cassa della Mairie di Certaldo, 1814; 2) privilegio dei dodici figlioli, 1848, 1851, 1854-1856; 3) rendimento di conti di Castelfiorentino, 1850, 1852-1854; 4) "Carteggio delle dependenze attive e passive" di Castelfiorentino, 1840, 1849-1850, 1852-1854.
Busta leg. cart.
1838 - 1856
icona top