Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Cancelleria di Castelfiorentino

Livello: fondo

Estremi cronologici: 1412 - 1871

Consistenza: 85 unità

Il ruolo fortemente politico espresso dai cancellieri comunitativi è evidente se si analizzano le carte che formano le filze attribuibili alle loro attività, dove il carteggio ha una preponderanza evidente. Il riordino della serie ha evidenziato i legami tra l'ordinamento dei pezzi e le attività dei cancellieri. La natura stessa dell'organizzazione delle carte e spesso anche le intitolazioni originali hanno suggerito che fosse opportuno organizzare l'archivio del Cancelliere in serie diverse, in modo da rendere più immediata l'identificazione dei pezzi relativi al carteggio con le altre Magistrature, rispetto a quelli che trattano la materia fiscale ed economica in genere della vita delle Comunità che il Cancelliere supervisionava. Ciò non esclude che molte filze che raccolgono carteggio non comprendano anche singole parti di atti di natura economica.
Quando possibile e soprattutto quando le carte lo richiedevano, si è ritenuto opportuno segnalare la presenza di una numerazione continuativa degli atti dello stesso Cancelliere, e la distribuzione delle filze stesse all'interno di serie o fondi diversi, in modo da consentire una lettura dell'archivio per Cancelliere, oltre a quella suggerita dal presente inventario.
I materiali conservati nell'archivio storico e qui attribuiti alla Cancelleria comunitativa riflettono solo le attribuzioni amministrative proprie del cancelliere. Le attribuzioni descritte nelle Istruzioni cinquecentesche dei Nove Conservatori 1 , che dettero ai cancellieri anche indicazioni sulla produzione e conservazione di "scritture" frutto e strumento per lo svolgimento delle loro competenze, hanno dato luogo all'attuale archivio comunale nel suo complesso e attribuite, via via, ai vari magistrati che esercitarono direttamente competenze specifiche più o meno definite. Del resto fin dal 1550 il cancelliere ebbe anche il compito di redigere e tenere aggiornato un inventario delle scritture giudiziarie 2 .




icona top