Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Tassa di macine

Livello: serie

Estremi cronologici: 1678 - 1781

Consistenza: 10 unità

La tassa del macinato fu istituita come imposta indiretta nel periodo del principato mediceo e, assieme ad altre imposizioni indirette, andò ad incrementare le entrate del nuovo Stato che si andava ingrandendo e riorganizzando. Con la legge del 15521, venne introdotta la "gabella delle farine", una tassa a carattere transitorio che gravava non soltanto sul grano, ma su tutte le "biade", da pagarsi al momento della "molitura". Istituita per motivi contingenti, per far fronte cioè alle spese militari dovute alla guerra contro Siena, divenne non solo una delle voci stabili di entrata, ma addirittura "una delle più cospicue"2: la tassa andava a rifornire la Depositeria, la più importante cassa del Granducato, e in parte a finanziare gli interessi del debito pubblico toscano pagati dai Monti. La legge del 1552 sottrasse ai mugnai la possbilità di riscuotere l'imposta e istituì una rete di camarlinghi incaricati dell'esazione e del controllo. Il sistema di esazione prevedeva che chiunque volesse macinare si rivolgesse ai camarlinghi generali o a quelli particolari, nominati in casi di necessità, per pagare la gabella e ottenere in cambio una polizza da presentare ai mulini per macinare il grano. I mugnai furono comunque sia coinvolti nell'esazione, in quanto dovevano ritirare le polizze e mensilmente consegnarle, legate in filze, al podestà che le inviava a Firenze, all'Ufficio centrale per le gabelle.
La riforma più importante della tassa avvenne nel 1670 quando fu rinnovata la Congregazione delle farine, già istituita da Ferdinando II negli ultimi anni del suo regno: la Congregazione delle farine trasformò la gabella sulle farine in una tassa personale, abolendo l'uso delle polizze. Ad ogni comunità venne assegnata una quota fissa annua, suddivisa poi a livello locale fra gli abitanti della comunità tra il quali la ripartizione della tassa doveva avvenire sulla base della denuncia delle "bocche" da parte dei capifamiglia e delle verifiche effettuate dai messi comunitativi.
Compilato il reparto annuale, in cui le famiglie erano associate in diverse classi sulla base del reddito, il cancelliere comunitativo predisponeva il dazzaiolo che poi veniva consegnato al camarlingo eletto dalla deputazione per riscuotere la tassa.
I deputati della tassa venivano estratti da borse apposite ed erano scelti fra l'oligarchia locale; a loro era affidato il compito di eleggere il camarlingo incaricato dell'esazione.
L'anno finanziario per la riscossione della tassa del macinato andava da giugno al maggio dell'anno successivo e il camarlingo doveva riscuotere la tassa in tre rate successive, articolate sui mesi di agosto, novembre e marzo. Nei mesi successivi alla riscossione, e ancora in tre rate, nei mesi di settembre, dicembre e aprile, il camarlingo rimetteva alla cassa delle Farine di Firenze il totale della tassazione dovuta dall'intera podesteria.



icona top