Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Strade

Livello: serie

Estremi cronologici: 1848 - 1865

Consistenza: 8 unità

La disciplina riguardante le strade in vigore durante il periodo del Ducato Borbonico rimase in funzione anche con il passaggio di Lucca al Gran Ducato di Toscana.
Alcune disposizioni, ormai radicate, durante questo ultimo regime non videro significative innovazioni se non quelle arrecate dalla legge del 20 novembre 1859, specialmente agli art. 39-40, relativa alle opere pubbliche, che mirava a costringere i privati alla riparazione delle strade con specifico riferimento a quelle private, comunque gravate di servitù pubblica e non alle strade di proprietà Comunale, come in effetti erano quelle Sezionali Lucchesi. Una osservazione a proposito di tale materia fu espressa dal Consiglio Provinciale di Lucca nell'adunanza straordinaria del 1863: in quell'occasione si pregò il Governo di regolamentare le situazioni.
Il Comune di Capannori nel 1853 aveva introdotto un piano di regolazione della gestione stradale, attraverso il quale aveva realizzato alcune classificazioni che riguardavano le strade in Postali, quelle dei Castelli e quelle di rilevanza sovracomunale 1 . Tuttavia, per avere vere e proprie novità si dovette attendere il 20 marzo 1865 2 quando il Comune adottò un regolamento per la manutenzione delle Strade Sezionali o Vicinali, approvato in linea generale dal Ministero dell'Interno a seguito delle modificazioni descritte dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, in accordo con il Ministero dell'Agricoltura e Commercio, come risulta dalla nota del Ministro dell'Interno, Divisione V, Sezione II, numero 78916/9579 in data 16 agosto 1864.
L'articolato documento prevedeva l'obbligo del mantenimento delle Strade Sezionali e Vicinali per tutte le famiglie della Sezione, con l'impegno di prestare attività nei trasporti dei materiali e nella manodopera, stabilendo per ciascuna strada un consorzio fra le famiglie interessate. Vi era la facoltà delle famiglie di farsi rappresentare, mentre le Deputazioni consortili stabilivano le fasi organizzative. Per i lavori murari il Comune era tenuto ad agire a proprie spese, sia per la manodopera che per l'acquisto del materiale, lasciando a carico dei sezionisti l'onere del trasporto e delle manovalanze. Il regolamento, inviato alla Regia Prefettura per l'approvazione, ottenne in data 11 maggio 1865 un risposta interlocutoria a seguito della richiesta di alcune modificazioni.


241(V.s.: 272)
(Tit. est.) Libro delle Occupazioni A.
(Tit. est. cost.) Occupazioni 1849-50

Nel registro sono riportati i prospetti dei danni che i privati subirono nel momento in cui furono costruite nuove strade e ponti.
Sono interessate le seguenti Vie di comunicazione: Strada di Porcari, Strada di Lunata, Strada di Banchieri, Strada di Lunata-Chiassetto, Strada di Gragnano per San Martino in Colle, Strada di Segromigno detta dell'Ospedale, Strada di Segromigno detta dei Sorbi, Strada di Parezzana, Strada di Marlia, Strada di Massa Macinaia, Strada di Pieve San Paolo per Parezzana, Strada di Ponte sopra il Rio di San Quilico a Guamo, Strada di Camposanti parrocchie di Laminari, Strada di Santa Margherita, Strada di Parezzana, Strada di Verciano e Strada di Capannori.
Reg. in 4°, leg. in mezza perg. e cartone, di pp. nn.
1848
242(V.s.: 218)
(Tit. int.) Stato delle Strade che appartengono alla Comunità di Capannori
Nel registro sono riportati 43 «articoli» ognuno dei quali corrisponde ad una sezione ed ognuno è distinto in sei titoli così ripartiti: I° Strade Regie; II° Strade Provinciali; III° Strade dei Castelli; IV° Strade Comunali il cui mantenimento è a carico del Municipio; V° Strade Comunali senza mantenimento; VI° Strade di pertinenza della Comunità senza però essere a carico della medesima perché sezionali e così dette vicinali.
Si evince dal registro che fu redatto per ordine della Circolare del Prefetto di Lucca datata 25 agosto 1852 dall'Ingegner Nicodemo Morelli su incarico conferitogli dalla deliberazione dell'11 agosto 1853.
Reg. in folio, leg. in mezza perg. e cartone, di pp. 1-264, + I°-IF, le pp. 263-264 sono bianche
1853
243(V.s.: 274)
(Tit. est.) 1856 Strada Comunale di Massa Macinaia
Nel fascicolo sono conservati gli atti inerenti ai lavori da effettuarsi alla Strada Comunale di Massa Macinaia datati tra il 18 marzo ed il 17 maggio 1856.
Fasc. in 4°, leg. in cartone, di pp. 1-18, sono bianche le cc. 12r.-v., 18r.-v.
1856
244(V.s.: 218)
(Tit. est.) 1859 Comunità di Capannori Campione delle Strade.
(Tit. int.) Comunità di Capannori Stato delle Strade che appartengono alla Comunità di Capannori

Nel registro sono riportati 43 «articoli» ognuno dei quali corrisponde ad una sezione ed ognuno è distinto in sei titoli così ripartiti: I° Strade Regie; II° Strade Provinciali; III° Strade dei Castelli; IV° Strade Comunali il cui mantenimento è a carico del Municipio; V° Strade Comunali senza mantenimento; VI° Strade di pertinenza della Comunità senza però essere a carico della medesima perché sezionali e così dette vicinali.
Si evince dal registro che fu redatto per ordine della Circolare del prefetto di Lucca datata 25 agosto 1852 dall'Ingegner Nicodemo Morelli su incarico conferitogli dalla deliberazione dell'11 agosto 1853.
Reg. in folio, leg. in mezza perg. e cartone, di pp. 1-153, le pp. 140-153 sono bianche
1859
245(V.s.: 218)
(Tit. est.) 1863 Accolli Stradali
Nel volume sono riportate le spese che la Comunità di Capannori effettuò alle strade di sua competenza. Sono evidenziate inoltre le trentacinque sezioni così ripartite: Matraia, Marlia, Lammari, Lammari, San Colombano e Segromigno, San Colombano e Valgiano, Segromigno e Camigliano, Segromigno, Segromigno e San Pietro a Marcigliano, Camigliano e Sant'Andrea in Caprile, Camigliano, Tofori e Petrognano, San Gennaro, Gragnano, Gragnano e San Martino in Colle, Porcari, Badia Pozzeveri, Capannori, Lunata, Capannori, Tassignano e Colognora, Lunata, Tassignano, Paganico, Toringo, Parezzana, Carraia, Parezzana e Toringo, Parezzana e Pieve San Paolo, Santa Margherita e Pieve San Paolo, Verciano e Toringo, Coselli, Badia di Cantignano e Vorno, Vorno, Guamo Massa Macinaia, Massa Macinaia e San Giusto di Compito, Colognora, San Ginese, Pieve di Compito e Sant'Andrea, Colle di Compito, Colle di Compito e Ruota, Castelvecchio.
Vol. cart. in 4°, leg. in mezza perg. e cartone, di pp. nn.
1863
246(V.s.: 1)
(Tit. est.) 186.
(Tit. est. mod.) Progetto della strada di Ruota

Contiene la relazione e la perizia necessarie alla costruzione della nuova strada di Ruota redatte dall'Ingegnere Comunale Garbesi in data 7 giugno 1864.
Alle cc. 2r-3v si trovano le descrizioni generali dei lavori.
Alle cc. 5r-8v si trovano le descrizioni particolari dei lavori.
Alle cc. 1 lr-18r si trova il conteggio dei lavori.
Alle cc. 21r-23r si trova il conteggio dei muri.
Alle cc. 25r-30r si trovano le stime dei lavori.
Alle cc. 33r-39v si trova il capitolato di appalto.
Alle cc. 44, 45,47, 48r-82v. si trovano le mappe, i profili di livellazione e le sezioni stradali.
Vol. cart. di cm. 23x32, leg. in cartone e mezza tela, di cc. 1-82, la c. 8 è bianca
1864
247(V.s.: non esiste.)
(Senza titolo)
Contiene la relazione e la perizia necessarie alla costruzione della della nuova strada che da Marlia raggiungeva Matraia e Valgiano redatto dall'Ingegnere Comunale Garbesi in data 20 novembre 1865.
Vol. cart. di cm. 26x36, senza legatura, di cc. 1-17, la c. 1 è bianca
1865
248(V.s.: 3)
(Tit. est.) Perizia delle indennità relative alle occupazioni da praticarsi pel riodinamento della Strada comunale da Marlia per Matraia e Valgiano
Contiene il resoconto delle indennità di occupazione che il Comune di Capannori doveva corrispondere ai proprietari delle terre che insistevano lungo la strada che da Marlia andava a Matraia e Valgiano.
Vol. cart. di cm. 23x32 leg. in cartone e mezza tela, di cc. 1-34, la c. 3 è bianca
1865
icona top