Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Tutti i complessi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


b) Eredità Petri

Livello: sottoserie

Estremi cronologici: 1708 - 1787

Consistenza: 1 unità


2615 (2381; 144; 3207)
Saldi dell'entrata e uscita dell'eredità Petri
A c. 1r: "Questo libro di carte numero [vacat] deve servire per registro di tutti li saldi dell'entrata et uscita della donazione del fu Giovanni Cosimo Petri nipote del già monsignore Pietro Petri stato vescovo della Città di Colle che donò all'Opera del Ss. Chiodo la metà de' bestiami che si fussero trovati ne' poderi della mensa episcopale dopo la morte di monsignor Pietro suo zio, per comprare col ritratto di essi tanti luoghi di monte nella città di Firenze o tanti censi perpetui in questa città di Colle con che i frutti di detti denari s'impiegassero in beneficio della chiesa da vescovi pro tempore unitamente colli operai del Ss. Chiodo et in adempimento di quanto sopra, essendo stati comprati due luoghi di monte nel Monte di pietà di Firenze e altri due luoghi di monte nel Monte del sale di detta città, si descriveranno in appresso tutti i frutti riscossi e l'impiego dei medesimi con i saldi annuali, ratamente dall'Opera suddetta in esenzione degli ordini come al libro dei saldi di detta Opera a c. 55 e a c. 71, intitolato per me infrascritto Sebastiano Moggi cancelliere questo dì primo maggio 1738". I saldi del periodo 1707-1737 sono copiati da ASSi, Comune di Colle 2565, 2566.
Reg. leg. in perg. cc. 64 scritte
1708 - 1787
icona top