Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Mairie di San Casciano

Sede: San Casciano in Val di Pesa (Firenze)

Date di esistenza: 1808 - 1814

Intestazioni: Mairie di San Casciano, San Casciano in Val di Pesa (Firenze), 1808 - 1814

Storia amministrativa:

L'annessione alla Francia comportò la trasformazione della Toscana in una provincia dell'impero napoleonico, articolata in tre dipartimenti denominati dell'Arno, del Mediterraneo, dell'Ombrone e ognuno retto da un prefetto. I tre prefetti ebbero sede rispettivamente nelle città di Firenze, Livorno e Siena. Il 22 giugno 1808 la Giunta di Toscana aveva decretato la nuova organizzazione amministrativa del territorio, all'interno della quale le mairies vennero a costituire le circoscrizioni comunali. Ogni dipartimento fu articolato infatti in circondari - con a capo un sottoprefetto - e questi ulteriormente suddivisi in mairies.1 Nelle sedute del 14 e 16 settembre, del 28 ottobre e del 19 novembre, la Giunta stabilì le norme che dovevano regolare la nuova struttura municipale.2

I maires, insieme agli aggiunti e ai membri dei Consigli municipali erano nominati dall'imperatore per cinque anni.

Quando un maire cessava dalle sue funzioni doveva rimettere le carte e i registri relativi all'amministrazione e allo stato civile, al suo successore. Nello stesso tempo doveva essere redatto un inventario della mobilia e consegnato a colui che avrebbe assunto la carica.3

I compiti del maire risiedevano nell'amministrazione della circoscrizione comunale e il prefetto o il vice prefetto erano incaricati di vigilare sul suo operato. Tutte le deliberazioni dovevano essere approvate dal Prefetto. Venne inoltre fatto obbligo ai maires di tenere un repertorio dove registrare ogni giorno gli atti della sua amministrazione. In caso di assenza, per qualsiasi motivo, dei maires, il primo aggiunto era chiamato a sostituirlo. Gli aggiunti non hanno nessun tipo di corrispondenza con le autorità costituite, ma solo con il maire. Del Consiglio municipale era chiamato a far parte il maire, che ne era anche presidente.4

San Casciano divenne sede di mairie compresa nel Dipartimento della Prefettura dell'Arno, costituita dai popoli dell'antica comunità.5 San Casciano fu sede anche di una circoscrizione cantonale nell'ambito del Dipartimento dell'Arno - circondario di Firenze.

Il maire di San Casciano, in carica tra il 1808 e il 1814, fu Antonio Sandrucci.

Una delle novità apportate dalla dominazione francese riguardò l'uniformità, relativamente al sistema fiscale, tra contado e distretto.





icona top