Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Altare di S. Antonio da Padova

Sede: Santa Maria a Monte (Pisa)

Date di esistenza: sec. XVII

Intestazioni: Altare di S. Antonio da Padova nella Collegiata di Santa Maria a Monte, Santa Maria a Monte (Pisa), sec. XVII

Storia amministrativa:
Non conosciamo l'origine dell'Altare di S. Antonio da Padova nella Collegiata di S. Giovanni Evangelista, la documentazione rinvenuta presso l'Archivio proviene interamente dall'Archivio storico comunale di Castelfranco di Sotto ma è estremamente frammentaria. Nel resoconto tracciato nel 1745 dal canonico Valentino Felice Mannucci dè Cori si riporta che nella Collegiata esiste un altare "dedicato a S.Antonio, adorno parimente di pietre serene con sue colonne simili marmorizzate; la tavola è in tela, la quale rappresenta Nostro Signore a sedere sopra un albero, tenendo nella mano destra una freccia in atto di ferire S. Francesco e Nostra Signora genuflessa avanti al medesimo, e dall'altra parte S.Antonio da Padova, opera di moderno pittore". Il quadro in oggetto raffigurante il Santo viene ricordato anche dal Gerbi (1883, p. 6) che dice fu fatto dipingere a olio da un non meglio precisato "Magistrato Comunale" fu distrutto dai bombardamenti durante l'ultima guerra mondiale. Il Masini (1785-1787, p. 71) nella sua relazione delle pitture della diocesi di S. Miniato cita solo quest'opera fra quelle presenti a S. Maria a Monte. Oggi al suo posto è la tela del pittore sammniatese Dilvo Lotti avente lo stesso soggetto




icona top