Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetto conservatore:

Contenuto della pagina


Contabilità

Livello: serie

Estremi cronologici: 1815 - 1866

Consistenza: 51 unità

Con la Restaurazione venne ripristinata anche la figura del camarlingo al fine di garantire il regolare svolgimento dell'attività finanziaria del comune. Il Regolamento Granducale del 18161 disponeva per la sua elezione, l'estrazione, dalla borsa dei candidati priori, di tre nominativi per i quali doveva essere fatta una votazione. Risultava vincitore colui che otteneva il maggior numero dei voti favorevoli e rimaneva in carica tre anni come il gonfaloniere. Il nuovo sistema di gestione finanziaria introdotto dai francesi fu mantenuto, sia i bilanci di previsione che i rendiconti venivano preparati dal cancelliere, approvati dal magistrato comunitativo e dall'autorità centrale. Con il regolamento del 18492 l'approvazione di tali documenti passò di competenza del consiglio comunale.
La serie si articola nelle seguenti sottoserie: Bilanci di previsione, Rendimenti di conti dei camarlinghi, Documenti di corredo ai rendimenti di conti, Repertori delle assegnazioni e giornali dei mandati.
Ci sono pervenuti senza lacune i bilanci di previsione dal 1817 al 1865 ed i documenti di corredo ai rispettivi rendimenti dei conti dei camarlinghi con gli allegati. I repertori delle assegnazioni ed i giornali dei mandati ci sono pervenuti senza lacune dal 1850 al 1866.



icona top