Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Licenze per pecore e capre

Livello: serie

Estremi cronologici: 1855 - 1859

Consistenza: 2 unità

Con Sovrano Decreto del 10 luglio 1855 venne concessa al podestà l'autorità di concedere licenze per tenere greggi di pecore. Il concessionario era tenuto a chiedere tale licenza ai podestà dei comuni limitrofi, quando si verificava la necessità di condurre le mandrie da un territorio ad un altro.
In base a quanto disposto dall'art.9 del Decreto Sovrano del 14 maggio 1855, in cui si vietava di tenere capre senza licenza dell'autorità comunale, spettava al podestà rendere noti i nomi di coloro avevano avanzato richiesta di poter tenere capre nei loro stabili e di volerle mandare al pascolo nei luoghi limitrofi. Erano concessi 20 giorni dal momento in cui il podestà redigeva tale elenco a chiunque intendesse avanzare opposizione motivata contro il rilascio di tale permesso. Tale opposizione doveva essere redatta per iscritto e recare con chiarezza i motivi che inducevano ad avanzarla.


977
Licenze per tenere pecore1
Registro legato in cartone cc. 1-100 di cui 24-100 bb.
1855 - 1859
978 (393)
Domande e licenze per tenere capre 1
Contiene domande e licenze per tenere capre nel comune di Bagnone. Sono presenti le licenze n° 4-177; 211-238; 240-246; 249-251; 253-254.
Busta contenente fogli sciolti
1855 - 1856
icona top