Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Mairie

Livello: fondo

Estremi cronologici: 1807 - 1815

Consistenza: 21 unità

Con il Senatus consultus del 24 maggio 1808 la Toscana fu annessa alla Francia, divenendo una delle province dell'Impero napoleonico. Il territorio fu diviso nei tre Dipartimenti dell'Arno, dell'Ombrone e del Mediterraneo, in ciascuno dei quali fu nominato un prefetto coadiuvato da un consiglio di prefettura e da un consiglio generale di dipartimento 1 . A loro volta i dipartimenti furono divisi in circondari di prefettura e sottoprefettura. All'interno dei circondari, ripartiti in cantoni, furono istituite le mairies, nuove strutture con compiti amministrativi in sostituzione delle antiche comunità. Greve divenne sede di mairie con il decreto del Governo provvisorio francese del 22 agosto 1808 e fu inserita nel circondario della Sottoprefettura di Firenze che faceva parte, con quella di Arezzo e Pistoia, del Dipartimento di Prefettura dell'Arno 2 . Le mairieserano amministrate dal maire, da un aggiunto che aveva il compito di sostituirlo in caso di «malattia, di assenza, o di qualunque altro impedimento momentaneo» e da un consiglio municipale i cui membri, nel numero di dieci, ricoprivano tale carica per cinque anni 3 . Il maire era l'unico responsabile dell'amministrazione della comunità e, nell'esercizio delle proprie funzioni era subordinato al prefetto e al viceprefetto. Egli aveva il compito di amministrare i beni patrimoniali, oltre alle entrate ed uscite della comunità, nonché di dirigere e fare eseguire i lavori pubblici a carico di quest'ultima. Aveva inoltre compiti di polizia, esercitava funzioni relative all'imposizione fiscale, ad esso delegate dai prefetti, ed infine in materia di sanità ed igiene pubblica. Primo ed unico maire di Greve, Giuseppe Civili. La comune conservò questa struttura amministrativa fino al giugno 1814 quando, con la Restaurazione, vennero ripristinati gli "antichi" uffici. In archivio sono conservati oltre a cinque registri dello stato civile per gli anni 1808-1812, le filze per gli anni 1813-1814 e un registro civico riportante lo Stato degl'individui aventi diritto di intervenire nell'assemblea cantonale di Greve suddiviso per le cinque sezioni Greve, Panzano, Lucolena, Rubbiana, Fioralle con il numero dei componenti di ognuna di essa.




icona top