Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Tutti i complessi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


XIII. Igiene e sanità

Livello: serie

Estremi cronologici: 1892 - 1893

Consistenza: 5 unità

Il servizio sanitario, affidato dallo Stato ai comuni, si esplicava in due branche: quella della vigilanza igienica e della profilassi, e quella dell'assistenza medica, chirurgica, ostetrica e veterinaria.
Nel regolamento per l'esecuzione della legge del 20 marzo 1865, n. 2248, allegato C, vennero esposte le disposizioni in materia di Sanità pubblica. Competente della materia era, nel 1865, il Ministero dell'Interno, che delegò le sue funzioni alle istituzioni periferiche dello Stato. In base a tale regolamento il Sindaco, coadiuvato da una Commissione sanitaria eletta dal Consiglio comunale, e comprendente anche il medico condotto del Comune, aveva il compito di informare le autorità superiori su eventi sanitari. Inoltre, ogni trimestre, doveva stilare un prospetto con i dati statistici sullo stato sanitario del Comune.
La Commissione era un organo consultivo del Comune con la funzione di sorvegliare le [vigilare sulle] condizioni igienico-sanitarie del territorio. Si occupava delle vaccinazioni, dei parti, delle condizioni igieniche delle abitazioni, degli stabilimenti carcerari, degli ospizi di carità e dei pubblici istituti, degli alimenti in commercio, delle sepolture ed inumazioni e dei cimiteri.
Nei piccoli comuni, come Pontassieve, era lo stesso medico condotto ad occuparsi di tali funzioni [ad assolvere a tali mansioni] e a svolgere le funzioni di ufficiale sanitario.
Il T.U. sulle leggi sanitarie, approvato con R.D. del 27 luglio 1934 n. 1265, affidò ai comuni le competenze igienico-sanitarie, mentre l'art. 4 prevedeva che fosse concessa gratuitamente l'assistenza medico-chirurgica ed ostetrica ai poveri. Per i comuni con popolazione inferiore ai 20.000 abitanti, l'art. 34 prevedeva di istituite un ufficio per il servizio sanitario a cui sarebbe stato preposto l'ufficiale sanitario comunale nominato dal prefetto dopo aver superato il pubblico concorso.

La serie è composta da soli cinque registri, contenuti all'interno di una busta, compilati dalle ostetriche, relativi al periodo compreso tra il 1892 e il 1893. Tuttavia la documentazione relativa si ritrova agli affari ordinari del Comune nella categoria IV Sanità e igiene.



1
Registro dei parti dal 1 gennaio al 31 marzo 1892 Levatrice Rodolfa Fabroni
Reg. s. cop.
1892
2
Registro dei parti dal 1 aprile al 30 giugno 1892 Levatrice Rodolfa Fabroni
Reg. s. cop.
1892
3
Registro dei parti dal 1 luglio al 30 settembre 1892 Levatrice Rodolfa Fabroni
Reg. s. cop.
1892
4
Registro dei parti dal 1 ottobre al 31 dicembre 1892 Levatrice Rodolfa Fabroni
Reg. s. cop.
1892
5
Registro dei parti dal 1 gennaio 1892 al 31 marzo 1893 Levatrice Rodolfa Fabroni
Reg. s. cop. Busta cop. cart. di 5 registri
1892 - 1893
icona top