Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Tutti i complessi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Amministrazione del monte del grano di Monsignor Duranti

Livello: serie

Estremi cronologici: 1543 - 1775

Consistenza: 11 unità

Monsignor Vincenzio di Barduccio Duranti, Vescovo di Orvieto, nativo di Santa Croce e già Priore di quella Collegiata fin dall'età di 17 anni, nel mese di maggio 1543 "considerato che da molti anni in qua quella Comunità [di Santa Croce] per subventione delle povere persone ha continuato fare canove o, per dir meglio, accattar grano in Comunità a credenza e non senza gravezza delli poveri ancor che per servizio loro, mi sono finalmente risoluto per subventione delle povere persone fare una provisione in perpetuto di sacca dugento di grano et intitulare tal provisione II Monte del Grano di Monsignor Vincenzio Duranti" 1 . Lo stesso Monsignor Duranti dettò le regole che avrebbero permesso una corretta amministrazione di questo suo Legato. "Ordino e constituisco la Comunità di Santa Croce Padrona di detto Monte e che lei ne habbi a pigliar cura generalmente, ma bene ordino e voglio che li amministratori di quello siano quattro persone ogni anno". E le dette quattro persone avrebbero dovute essere a turno i componenti e i discendenti della sua famiglia. I Capitoli dettati da Monsignor Duranti continuano dettagliando in modo minuzioso tutte le operazioni che dovranno esser fatte per garantire la continuità della sua istituzione. Fra l'altro: "Ordino e voglio che il grano di detto Monte non si possa cominciar a prestare prima che in Chalende del mese di Marzo perché in quel tempo pare che ad alcuno povero che sia habbia a mancar pani ma da quel tempo sino alla ricolta sieno le strettezze e le necessità delle poveri". "Ordino e voglio che tutti quelli che accatteranno detto grano habbino a dare una o dua sicurtà idonee obligate in solidum come principali di restituire il grano che accatteranno il più lungo alla solennità di Santa Maria mezzo Agosto". "Ordino e prego ciascuna persona quando piglierà in presto il detto grano, sia contento dire un Pater Noster et un'Ave Maria per la valetudine e sanità del Corpo mio [...] e dell'Anima mia".


icona top